dove vedere Barcellona-Inter Youth League Tv streaming
Palloni della Uefa Champions League (Foto Cesare Purini / Insidefoto)

I campionati nazionali ribadiscono il loro no allo spostamento delle gare delle competizioni Uefa nel weekend. A spiegarlo è Alberto Colombo, vice segretario generale dell’European Leagues (organizzazione che supporta 35 campionati professionisti in 28 paesi).

“Tutti i campionati rappresentati dall’European Leagues sono uniti nella difesa del calendario dei campionati nazionali”, ha detto Colombo intervistato dal quotidiano portoghese O Jogo.

Una presa di posizione che arriva dopo le indiscrezioni del Wall Street Journal, che ha parlato dell’ipotesi allo studio da parte di Eca e Uefa, tra le altre cose, dello spostamento delle gare delle coppe durante il weekend.


"Nessuna lega nazionale vuole che la Champions League venga spostata nel fine settimana - ha aggiunto Colombo -. Le leghe rimarranno fermi sulla propria posizione in difesa della tradizione del calcio e dei campionati nazionali, considerando anche che i tifosi stessi non gradiranno vedere le partite delle loro squadre in campionato nel mezzo della settimana invece del sabato o della domenica".

"Il calcio è un business conservatore e sappiamo che la passione dei tifosi è guidata dalle gare domestiche. I fan inglesi amano andare a vedere le partite della Premier League nel fine settimana e lo stesso vale per i fan di tutto il mondo. Quando in Inghilterra vai in ufficio o sei a scuola, è difficile trovare qualcuno che tifi Bayern Monaco. I tuoi colleghi supportano l'Arsenal, il Manchester United e il Liverpool. Quelle sono le rivalità di cui vogliamo parlare lunedì mattina. Sappiamo che i tifosi non appoggeranno questa idea perché amano le tradizionali rivalità tra le loro città", ha concluso Colombo.

SEGUI IL GRANDE CALCIO SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

1 COMMENTO

  1. Questo lo posso anche capire, anche a me sembrerebbe uno stravolgimento eccessivo. Quello però che devono capire le leghe è che devono ridurre il loro numero di partite, si deve trovare un accordo per un massimo di 18 squadre a campionato, anche se 16 sarebbe meglio. Questo per ricavare spazi per portare la Champions intorno alle 20 e più date stagionali. Un’ipotesi potrebbe essere: 4 gironi da 8 squadre (14 giornate), ottavi-quarti-semifinali (6 giornate) e finale unica.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here