Gravina Palermo
Gabriele Gravina (foto Antonello Sammarco/Image Sport/Insidefoto)

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, è intervenuto a margine del 43° Congresso ordinario della UEFA. Gravina ha spiegato di credere nella crescita del sistema calcio se si opera nelle giuste condizioni: «Siamo convinti che il calcio possa crescere solo se c’è stretta cooperazione tra tutte le parti che lo compongono e che il rispetto, spesso citato dal presidente Ceferin stamattina, sia fondamentale anche nei rapporti tra Uefa E Fifa. L’Italia farà in modo che ci sia maggiore dialogo tra le due confederazioni», ha detto il numero 1 della Figc.

UEFA, Aleksander Ceferin rieletto presidente

Non sono mancate – come riporta l’AGI – alcune parole su temi strettamente italiani, a iniziare dagli stadi: «Stiamo lavorando per creare le migliori condizioni possibili perché gli stadi tornino luoghi di accoglienza. Sui costi dei biglietti decidono però le società. Come Federazione – ha aggiunto Gravina – abbiamo creato un tavolo di lavoro in merito. Oggi ci sarà ultima riunione con degli esperti, tra cui il vicepresidente della Roma Baldissoni: siamo convinti che la Figc possa svolgere un ruolo di servizio verso coloro che hanno voglia di investire».

Una battuta anche sul calcio femminile: «Nell’agenda federale il calcio femminile è al primo posto: nell’ultimo Consiglio abbiamo deciso di dare ulteriori contributi a tutti coloro che, a livello dilettantistico, tesserino bambine e giovani donne. Grazie a un’operazione di sgravi fiscali abbiamo dato al calcio femminile oltre un milione di euro».



Chiusura dedicata alle novità legate al Var, in particolare al progetto UEFA di arrivare nel giro di due anni a mostrare sui tabelloni degli stadi di Serie A tutta l'azione analizzata dal sistema di video assistenza: «Non posso confermare nulla: lascio ad Aia e Ifab la loro piena autonomia», ha concluso Gravina.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here