juventus plusvalenza sturaro
Stefano Sturaro con la maglia della Juventus (Foto Image Sport / Insidefoto)

La Juventus ufficializza il riscatto da parte del Genoa di Stefano Sturaro. Dopo la cessione in prestito, è quindi già scattato l’obbligo di riscatto nell’operazione che ha portato il centrocampista in rossoblù.

“Juventus Football Club S.p.A. comunica che, a seguito del verificarsi delle prestabilite condizioni contrattuali, è scattato l’obbligo di acquisizione a titolo definitivo da parte del Genoa Cricket & Football Club S.p.A. del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Stefano Sturaro a fronte di un corrispettivo di € 16,5 milioni pagabile nei prossimi quattro esercizi. Tale operazione genera un effetto economico positivo di circa € 12,9 milioni”, si legge nel comunicato del club bianconero.


L'operazione vale complessivamente 18 milioni di euro, considerando il prestito oneroso da 1,5 milioni di euro che era stato reso noto sempre dalla società lo scorso 24 gennaio. " Il contratto prevede, inoltre, l’obbligo per il Genoa di acquisire il calciatore a titolo definitivo qualora la stessa società raggiunga determinati obiettivi sportivi nel corso dell’esercizio 2018/2019. Il corrispettivo della cessione a titolo definitivo è fissato a 8,5 milioni, pagabili nei successivi tre esercizi e potrà incrementarsi di ulteriori € 8 milioni al verificarsi di determinate condizioni contrattuali", si leggeva nel primo comunicato. Scattati quindi subito non solo l'obbligo di riscatto ma anche tutti i bonus.

8 COMMENTI

  1. Preziosi padre e figlio sono tra i migliori in Italia ad acquistare / vendere giocatori.
    E acquistano a poco e vendono a tanto.
    Non sono certo però gente che compra per un Genoa dei difensori a 16,5 milioni + 1,5 di prestito. specie poi se i 18 milioni sono un prezzo per uno valutato forse la metà.
    Quella di Sturaro è una gonfiatura di prezzo per far fare plusvalenze alla Juve e di cui la Juve ha necessità, e che troverà analoga gonfiatura in qualcuno (Romero?) che comprerà poi la Juve da loro.
    Lo stesso più o meno la Juve ha fatto l’anno scorso con Pozzo, un altro che non compra certo per l’Udinese mediani-difensori come Mandragora a 20 milioni.
    In quel caso un po’ diverso il sistema, perché o glielo ripigliano indietro a un prezzo leggermente maggiorato o si rivaluta e lo stesso Pozzo riesce a venderlo tra 2 anni a quel prezzo.
    Questi artifici una tantum si possono anche fare e li fanno tutti.
    Sono delle pezze messe ai bilanci, ma se diventano abituali non è che sia un buon segno.
    E anche vuol dire che vendere giocatori normalmente è diventato abbastanza difficile

    • Il fatto che questi siano prezzi gonfiati e’ una tua rispettabilissima opinione.
      Per Mandragora c’e’ un accordo chiaro, nessun sotterfugio. E’ uno dei centrocampisti di maggiore prospettiva in Italia e l’Udinese ha investito su di lui. Vediamo fra due anni se hanno fatto bene o male.
      La stassa cifra l’a spesa la Samp per il portiere Audero e il Napoli per Meret. Non e’ uno scandalo, le cifre sono quelle.
      Per Sturaro il discorso e’ un po’ diverso perche’ il ragazzo ormai ha parecchia esperienza (nonostante sia ancora giovane). L’azzardo su Sturaro sono gli infortuni, ma sappiamo tutti che se al top della forma puo’ giocare bene in Champions League contro il Real Madrid oppure in Nazionale. E al top della forma Sturaro vale piu’ di 18 milioni. Quindi la valutazione non credo sia troppo gonfiata. Probabilmente e’ gonfiata di 2-3 milioni che verranno compensati con il giovane Zanimacchia. Ma dire che Sturaro valga meno di 10 milioni significa essere rimasti in dietro di 3 anni nel calcio mercato.

      • Per Mandragora è ancora più chiaro. Pozzo non è uno che prende un mediano-difensore a 20 milioni per una società che ha come obiettivo quello di salvarsi e basta.
        Mai fatto in vita sua neanche quando l’Udinese poteva avere obiettivi migliori, obiettivi che non ha più, dato che Pozzo ha interesse principalmente al Watford.
        Il lavoro di Pozzo è prendere giocatori a 2 milioni o a 200.000 EUR e rivenderli.
        E quello ha sempre fatto.
        In questo caso ha preso andragora a 20 ma con l’accordo che dopo due anni o lo vende almeno a 20 o la Juve glielo riprende a 26.
        Visto che non mi sembri particolarmente ferrato significa che la Juve ha fatto una ventina di milioni di plusvalenza che sommati agli altri 80 fatti ha portato 100 mln, nonostante i quali ha chiuso il 2017-18 in perdita di 20 milioni.
        Questo per dire quanto bisogno aveva di fare plusvalenze “in ogni modo”. Quest’anno però ne ha ancora più bisogno.
        Preziosi analogamente non è uno che prende mediani difensori a 18 milioni per il Genoa, come avevo già detto, ma a un decimo.
        E ti aggioungo che neanche la Sampdoria è uan squadra che spende 20 milioni per un portiere.
        Se poi proprio non ci arrivi, come sembra, pazienza.
        Sui prezzi ed essere “indietro” lascio perdere.

        • Ragazzo mio, oltre che ignorante sei pure presuntuoso e maleducato.
          Giusto per finirla con una risata, hai detto:
          – la Samp non prende Audero per 20 milioni,
          – l’Udinese non compra Mandragora a 20 mioni,
          – il Genoa non prende Sturaro a 18 milioni.
          Ammiro la tua capacità di osservare la realtà.

  2. È curioso notare come il Genoa vada a spendere 18 milioni di euro per un buon giocatore, niente di più, peraltro infortunato e poi si tira indietro dall’acquisto del Ferraris per 6-7 milioni. È il segno , l’ennesimo, che in Italia non si vuole fare crescere il movimento, ma abbuffarsi intascando il più possibile nel minor tempo possibile.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here