La sede della Fifa (Foto Steffen Schmidt/Insidefoto)

La FIFA, massimo organismo calcistico mondiale, ha aumentato gli indennizzi per i club che prestano i propri giocatori alle rispettive nazionali. Come riporta “AS”, in caso di infortunio di un proprio tesserato, è stato stabilito che il club proprietario del cartellino riceverà un massimo di 28.540 euro per ogni giornata di stop. L’importo verrà calcolato sulla base dello stipendio fisso – esclusi premi e variabili – del calciatore. L’organizzazione pagherà un massimo di 7,5 milioni di euro per giocatore se l’infortunio si verifica in una partita con la nazionale e se lo stop forzato durerà più di 28 giorni.

Ranking Fifa, l’Italia chiude il 2018 in 18ª posizione: mai così in basso dal 1993

L’ECA (European Club Association) ha esercitato pressioni sulla FIFA attraverso la UEFA per far sì che fosse destinata ai club una somma maggiore. In totale, l’organizzazione metterà a disposizione fino a 80 milioni di euro annui per la copertura degli infortuni. L’accordo con la FIFA è stato firmato fino ai Mondiali del 2022, che si disputeranno in Qatar.





Oltre a questa assicurazione, la FIFA prevede già dei compensi per i club che cedono i propri giocatori per le partite di qualificazione alla Coppa del Mondo. Per Russia 2018 sono stati stanziati 200 milioni di euro per premiare i club che hanno “prestato” i loro giocatori. Il denaro è stato distribuito tra 416 società, e quelle che hanno ottenuto gli indennizzi maggiori sono Manchester City, Real Madrid, Tottenham e Barcellona.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here