SHARE
paracadute premier league 2016 2017
(Insidefoto.com)

La Premier League attacca sulla Brexit. La lega inglese ha reso noto la sua posizione in comunicato ufficiale.

«La Premier League ha tenuto una serie di conversazioni con il governo e le parti interessate sull’impatto che l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea potrà avere sul calcio britannico», si legge nella nota

«Attualmente sono attive regole che limitano il numero nelle squadre senior di giocatori non cresciuti nel proprio vivaio, mentre lavoriamo anche con i club per gestire un sistema di sviluppo di giocatori che crea giocatori per le squadre inglesi ad ogni livello. E i risultati sono dimostrati dalle vittorie della Coppa del Mondo FIFA Under 17 e Under 20 e dalla semifinale della Coppa del Mondo FIFA 2018 maschile. Non vi è alcuna prova che quote più forti di giocatori cresciuti in casa rispetto a quelle esistenti ora avrebbero un impatto positivo sulle squadre nazionali».



«Affrontiamo questa questione nell'interesse del calcio britannico nel suo insieme e abbiamo tenuto discussioni positive con l'EFL e la Scottish Professional Football League, che entrambi concordano sul fatto che la Brexit non dovrebbe essere utilizzata per indebolire le squadre di calcio britanniche, né per danneggiare i club riguardo la possibilità di firmare giocatori internazionali».

«Le tre leghe riconoscono anche che il percorso di sviluppo per i giovani giocatori britannici deve essere ulteriormente migliorato e si impegna a trovare modi per raggiungere questo obiettivo in tutti i club professionistici».

«Al di là dalle squadre di calcio, è importante riconoscere l'interesse globale della Premier League e dei nostri club quando gareggiano nelle competizioni FA e Carabao Cup e il più ampio impatto positivo sul Regno Unito di avere una Premier League di successo».

«La nostra competizione è guardata in 189 paesi, 700.000 visitatori nel Regno Unito a stagione partecipano a una partita, i club impiegano 12.000 dipendenti a tempo pieno e il calcio della Premier League genera 3,3 miliardi di sterline a stagione in tasse».

«Abbiamo un rapporto di lavoro positivo con la FA e continueremo ad avere discussioni costruttive con loro e con altre parti interessate».

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA: