lavorare alla Juventus
L'Allianz Stadium, casa della Juventus (foto Insidefoto.com)

Non cambia la posizione della Juventus per quanto riguarda i tappetini virtuali accanto alle porte. La circolare della Lega Serie A di cui vi abbiamo parlato qui non ha quindi concluso la querelle sugli spazi pubblicitari a bordo campo.

Secondo quanto appreso da Calcio e Finanza, infatti, la posizione della Juventus non è cambiata rispetto alla discussione con la Lega di qualche settimana fa. Tutto ruota intorno ai diritti relativi alla sponsorizzazione, che sono fuori dal perimetro della Legge Melandri.

La Serie A sui tappetini virtuali: “No a sponsor dei club, lo spazio è di Tim”

Per questo, la società bianconera ritiene che i diritti per i tappetini non siano diritti collettivi, ma soggettivi, in mano quindi ai singoli club. Club che devono delegare la Lega per concedere l’inserimento di un proprio sponsor negli spazi.

Per questo la Juventus nell’ultima assemblea ha fatto mettere a verbale che non conferirà la delega a vendere quei diritti, perché sono ritenuti individuali per ogni società.

Una posizione che non è cambiata nelle ultime settimane e che non viene cambiata nemmeno dalla circolare pubblicata dalla Lega Serie A.

Il tema resta quindi oggetto di discussione. Una discussione che è slittata per ora, anche perché la Juventus giocherà la prima di campionato in trasferta, al Bentegodi di Verona contro il Chievo. Ma la questione si ripresenterà nella prossima settimana, quando i bianconeri scenderanno in campo per la prima gara all’Allianz Stadium, contro la Lazio.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here