Leonardo e Paolo Scaroni (foto: Calcio e Finanza)
Leonardo e Paolo Scaroni (foto: Calcio e Finanza)

Presentazione Leonardo – E’ giorno di presentazione per il brasiliano “Leonardo”, uno dei grandi ritorni della nuova dirigenza del Milan. Il nuovo dg dell’area tecnica ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa, partendo dalla sfida che lo attende: «La mia sfida più difficile? E’ sempre difficile. Milano è il posto in cui sono diventato adulto e soprattutto dove ho vissuto dopo aver smesso di giocare. Realizzare qualcosa in quella che per me è la mia “seconda casa” è forse la sfida più grande. Mi piace».

Ufficiale, Leonardo torna al Milan: è il nuovo dg dell’area tecnica-sportiva

Leonardo non si è sottratto alle domande, in primis a quelle relative ad un giudizio sulla formazione rossonera: «La squadra è il risultato di una serie di fattori. Normale che ci siano situazioni che cambiano con persone e idee nuove. E’ una squadra che ha fatto un campionato buono soprattutto nella seconda parte della stagione. Certo alcuni giocatori potrebbero avere meno spazio, quindi ci saranno delle uscite anche se il tempo per lavorare è poco».

In questo senso, un punto fondamentale è quello relativo al mercato in entrata: «Se esiste una formula per Higuain e Morata? La formula è diversa in ogni situazione, difficile sapere quanto hai nel tuo “contenitore” prima di fare le varie operazioni. Bisogna rivederlo ad ogni affare che si fa. In questa prima finestra di mercato non penso che sarà possibile fare un grande investimento. I prezzi del mercato non ci aiutano in questo senso».

Segue una battuta importante anche sulla possibilità di vedere all’opera un direttore sportivo: «Una mano ci vuole, ci sono tante cose da fare e i tempi sono stretti. La scelta delle persone da affiancare però è importante tanto quanto quella dei giocatori, bisogna fare le cose con calma. Il margine di errore può aumentare tanto. Cerchiamo di fare cose sensate».

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here