Cristiano Ronaldo vende casa Madrid
Cristiano Ronaldo, stella della Nazionale Portoghese (Foto Andy Mueller/freshfocus/Insidefoto)

Accordo Cristiano Ronaldo Fisco Spagnolo –  La Agenzia delle Entrate spagnola, comunemente chiamata Hacienda, ha accettato la proposta di rientro, e quindi ‘conciliazione’, di Cristiano Ronaldo.

Il fuoriclasse portoghese neo-juventino verserà 18,8 milioni di euro nelle casse dello Stato spagnolo e sarà condannato a 2 anni di carcere, anche se quest’ultima condanna sarà sospesa in cambio della dichiarazione di colpevolezza di quattro diversi ‘delitti fiscali’ dal 2011 al 2014.

Ad informare la Efe, principale agenzia di stampa spagnola, sono state fonti
giudiziarie.

Accordo Cristiano Ronaldo Fisco Spagnolo, le accuse al portoghese

Il fuoriclasse portoghese era stato denunciato per frode fiscale dalla sezione reati economici della Procura di Madrid nel giugno dello scorso anno.

L’accusa riguardava “quattro reati” fiscali che il campione, da poco passato dal Real Madrid alla Juventus, avrebbe commesso tra il 2011 e il 2014, non avendo pagato alla agenzia delle entrate 14,768 milioni di euro.

La frode fiscale sarebbe avvenuta attraverso le società domiciliate nelle Isole Vergini e in Irlanda. Il cinque volte Pallone d’Oro e fresco giocatore della Juventus, avrebbe “approfitatto di una struttura creata nel 2010 per dissimulare al fisco i proventi generati in Spagna dai diritti di immagine”, aveva fatto sapere la Procura di Madrid in un comunicato.

Accordo Cristiano Ronaldo Fisco Spagnolo, la ricostruzione di Football Leaks

Oltre 70 milioni di euro trasferiti nei conti bancari della Tollin, una società registrata alla British Virgin Islands, paradiso fiscale nei Caraibi. Altri 74 milioni incassati grazie alla cessione dei diritti di immagine (per il periodo 2015-2020) a Peter Lim versati su un conto in Svizzera.

Sarebbero queste, secondo le ricostruzioni di Football Leaks, le transazioni effettuate da Cristiano Ronaldo e sul quale il fuoriclasse portoghese avrebbe pagato le tasse al fisco spagnolo solo per pochi milioni di euro.

Nel 2009, quando è passato dal Manchester United al Real Madrid, Ronaldo ha trasferito i diritti sulla propria immagine alla società Tollin Associates con sede nel paradiso fiscale delle Isole Vergini Britanniche, nei Caraibi. In questo modo la quasi totalità dei compensi ricevuti dagli sponsor sono rimasti nascosti al Fisco spagnolo.

Tra il 2009 e il 2014 la Tollin Associates ha incassato, praticamente esentasse, oltre 70 milioni di euro. Gran parte di questi compensi hanno prima fatto tappa nei conti di due società irlandesi, la Mim e la Polaris, a cui erano intestati i contratti pubblicitari, per poi prendere il volo verso i Caraibi.