Cesena Comune avviso sfratto stadio
Lo stadio Dino Manuzzi di Cesena (foto Insidefoto.com)

Pubblisole, una holding specializzata in comunicazione e raccolta pubblicitaria, ha vinto il bando per la società che allestirà il nuovo Cesena. Si chiamerà Cesena Fc e partirà dalla serie D, dopo il fallimento dell’Ac Cesena che dovrebbe essere decretato il 9 agosto. Lo ha comunicato il sindaco Paolo Lucchi, in Municipio. I

l progetto triennale locale è stato preferito al Pt Group Management di Benevento la cui documentazione è stata giudicata incompleta. Pubblisole ha fatto da collettore a una ventina di imprese locali, che diventeranno 25 e poi 30 nell’arco del triennio. Rileverà il titolo sportivo dal Romagna Centro che milita da cinque stagioni in D. La disponibilità iniziale del triennio è stata fissata in 5 milioni di euro, dei quali 1,8 per il campionato di quest’anno in D.

Serie B, ufficiale il fallimento del Cesena: la società ripartirà dai dilettanti

Le venti aziende del territorio cesenate che hanno sottoscritto un impegno triennale (alle quali si dovrebbero aggiungere altre 5 società) sono: Maxicart, Combitras, Righi Group, Effebi, Linxs, Olimpia Costruzioni, Celbo, Sicura, Aren E.P., Eventioggi, Hippogroup Cesenate, Manuzzi, Casadei Pallets, Vitobello Ricambi, Onit Group, Baruzzi, Comaco, Sic, Publisole. Amadori e Technogym, invece, contribuiranno con propri fondi senza per il momento entrare nella cordata. Si parla di un capitale sociale pari a 200mila euro, con impegno di un budget da 1,81 milioni per il primo anno per la prima squadra e circa 300mila euro per il settore giovanile.

“Un momento estremamente importate per lo sport cesenate risolto grazie all’impegno delle aziende locali – ha commentato il sindaco Paolo Lucchi – il progetto della Publisole iniziava con la frase ‘Smettere di soffrire e diventare grandi’, ma non solo questo ha conquistato la commissione, infatti è la bontà del progetto complessivo che l’ha fatto primeggiare sull’altro presentato da Pt Group Management che è stato accantonato per l’assoluta mancanza di documentazione”.