zidane dimissioni real madrid
Cristiano Ronaldo e Zinedine Zidane dopo la vittoria in Champions League (Foto Matteo Gribaudi/Insidefoto)

Fulmine a ciel sereno al Real Madrid. Zinedine Zidane lascia infatti la panchina del Real Madrid: il tecnico francese ha ufficializzato le dimissioni dai blancos nel corso di una conferenza stampa.

Zidane, dopo la vittoria a Kiev, è entrato nella storia della Champions League e del calcio. Nessuno prima di lui era riuscito a conquistare tre Champions League consecutivi, un primato stabilto addirittura con meno partite del necessario, avendo saltato la fase a gironi della stagione 2014-15.

L’allenatore francese ha raggiunto così Bob Paisley e Carlo Ancelotti in testa alla classifica dei tecnici plurivincitori della Champions League, con tre successi, staccando, tra gli altri, Mourinho e Guardiola, fermi a due trionfi.

Zinedine Zidane, allenatore del Real Madrid (Foto: Insideofoto.com)

“Ho deciso di non continuare sulla panchina del Real Madrid – ha spiegato Zidane in conferenza stampa – . Ho voluto parlare con lui per spiegare i miei motivi. E’ un momento duro e importante. Questa squadra deve continuare a vincere e per questo ha bisogno di un cambio in panchina. Parlo di altre metodologie di lavoro, per questo ho preso questa decisione. Voglio bene a questa squadra e al presidente, a cui sarò grato per sempre, ma oggi per me e per la squadra è giusto cambiare. Per questo ho scelto di non continuare”.

“È stata una decisione completamente inattesa. Oggi sono triste. Gli ho ricordato che questa casa è e sarà la sua famiglia per sempre. Uno non può essere preparato a questa notizia”, ha commentato il presidente Florentino Perez.

[IN AGGIORNAMENTO]