processo juventus agnelli ultras
Il presidente della Juventus Andrea Agnelli (Insidefoto.com)

«Vogliamo tutti più gare internazionali e meno partite di campionato. Inoltre sarebbe necessaria una una riduzione delle gare perché non si può pensare di superare un certo numero di incontri». Il presidente della Juventus e dell’Eca Andrea Agnelli lancia la sua proposta per riformare il format del calcio europeo, in un’intervista al The Guardian.

Le idee del numero 1 bianconero è quello di mantenere il format della Champions League a 32 squadre, ma passando a 4 gruppi da 8 squadre invece che 8 gruppi da 4 squadre: in questo modo, le partite assicurate per ogni club sarebbero 14 invece delle attuali 6.

agnelli riforma campionati europa andrea agnelli presidente eca
Andrea Agnelli (foto Insidefoto.com)

Una riforma che inciderebbe anche sui campionati nazionali: «Le squadre che parteciperebbero alla nuova Champions potrebbero essere obbligate a giocare nelle leghe nazionali con giocatori under 21 o under 23 – ha proseguito Agnelli al The Guardian -. Ma si tratta di puro brainstorming, un progetto ancora non c’è».

«Oggi tutto è relativo alla visibilità del brand – continua il numero uno della Juventus -. Indipendentemente dal fatto che si parli di una squadra come Manchester United, Real Madrid e Juventus o di una come Legia Varsavia, Sporting Lisbona e Anderlecht, l’obiettivo è sempre quello di avere maggiore esposizione internazionale per sviluppare i nostri brand. Dobbiamo trovare un terreno per dialogare con le federazioni europee, con i campionati europei, con l’Uefa e con le società».

Agnelli sa che troverà ostacoli lungo la strada: «Qualsiasi proposta nel calcio non troverà mai il 100% di consenso. Il punto è che gli stakeholder devono sedersi e parlarne. Ci sono problemi di bilancio, di polarizzazione: dobbiamo sederci e parlarne. Questo dovrebbe avvenire sotto l’egida dell’Uefa e ci sarebbero meccanismi di solidarietà».

Il presidente bianconero ha confermato poi la sua contrarietà al progetto della Fifa di un nuovo Mondiale per Club, mentre club come Barcellona e Real Madrid si sono dette favorevoli. «Se vai in giro con qualcuno che dice: “Vuoi giocare a calcio per un paio di settimane, in media ottieni 150 milioni di euro”, la risposta sarà sì, è abbastanza ovvio».

Ceferin contro Infantino per il Mondiale per Club: «Il calcio non è in vendita»

Ma Agnelli descrive “dubbie” le proiezioni finanziarie e “ingannovele” il piano della Fifa di condividere al 50% i ricavi con gli investitori, ancora segreti. Il Mondiale per Club secondo Agnelli potrebbe comunque essere migliorato,  Agnelli afferma: «Questo è troppo importante per il futuro del calcio per entrare nella discussione senza informazioni, bendati».