come funziona il var
L'arbitro Daniele Orsato controlla il VAR in Inter-Juventus (Foto Andrea Staccioli / Insidefoto)

“La Federazione italiana è stata all’avanguardia a introdurre il Var, la Fifa ha deciso di accelerare portandolo ai Mondiali. L’Uefa non è contraria, pensa che sia un percorso di non ritorno, ma i tempi non saranno brevi”. Lo ha detto Michele Uva, direttore generale della Figc e vicepresidente Uefa, in un incontro a Dogliani sul rinascimento del calcio italiano.

“C’è una questione tecnica – ha spiegato Uva – le partite sono tantissime nei vari campionati e Coppe, sono oltre 5.000: introdurre ora il Var significherebbe avere un numero incredibile di arbitri e, inoltre, essendo ora solo tre i Paesi che utilizzano il Var automaticamente bisognerebbe utilizzare solo arbitri provenienti da queste nazioni. Quello che si può dire è che sarà introdotta ma per quanto riguarda i tempi dipenderà  dal processo in corso nelle varie nazioni. È un percorso complesso che richiederà anche investimenti in tecnologie”, ha aggiunto.

var Nicchi tavecchio chiacchiere
L’arbitro Fabio Maresca controlla il monitor della VAR prima di concedere il calcio di rigore in Cagliari-Juventus (foto Insidefoto.com)

A favore dell’introduzione del Var in Europa si è espresso anche Gennaro Gattuso, allenatore del Milan. “Posso parlare da uomo di sport e dire che il Var cancella gli equivoci e funziona. Non capisco come l’Uefa possa farsi male da sola, ci sono in ballo denaro e molto altro in gioco. È una cosa che funziona, perché non averlo nelle coppe europee? Con il Var le situazioni si giudicano in un secondo, anche perché non capisco cosa fanno gli arbitri di linea”.

Su una linea simile anche Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus. “La Var in Europa non è un’emergenza, è uno strumento che aiuta molto se usato con criterio. In Italia la stanno utilizzando molto bene, sono molto migliorati rispetto al periodo di adattamento iniziale. Credo che questo avverrà anche in Europa”, le parole dell’allenatore bianconero.