nuovo logo infront

Caso Infront archiviato – La Lega Calcio e i club calcistici sono enti privati e quindi, non avendo alcuna natura pubblicistica, non si può configurare il reato di turbativa d’asta. Questo è quanto stabilito dal gip di Milano Manuela Accurso Tagano, che rifacendosi all’ordinanza con cui un anno fa aveva rigettato tre arresti, ha così giustificato il provvedimento di archiviazione dell’indagine e diritti tv nel calcio a carico tra gli altri dell’ex ad del Milano e ora senatore Adriano Galliani, di Marco Bogarelli, ex numero uno della società, Riccardo Silva, patron della società Mp&Silva, e dei presidenti della Lazio, del Genoa e del Bari, Claudio Lotito, Enrico Preziosi e Gianluca Paparesta.

Infront acquista Goalscout da Andrea Pezzi e Davide Serra

Caso Infront archiviato, escluse turbativa d’asta e truffa

Nel decreto di archiviazione, depositato un paio di giorni fa, con sui si sottolinea che «non sussistono elementi idonei a sostenere l’accusa» il giudice, come già aveva ritenuto, ha escluso la sussistenza, oltre che dell’associazione per delinquere (gli indagati avevano dato vita al più “a una lobby del calcio”) della turbativa d’asta, pure della truffa. La mancanza dei reati presupposti ha portato di conseguenza il gip a cancellare pure il riciclaggio e l’auto riciclaggio. Infine nel provvedimento viene scritto espressamente che Sky non è parte offesa. La Procura alla fine di gennaio aveva inoltrato l’istanza di archiviazione del caso.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here