compensi cda napoli
Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli (foto Insidefoto.com)

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis spinge per la rivoluzione nel calcio italiano ed europeo. “Io sono sempre per i grandi cambiamenti, e penso che la Serie A dovrebbe tornare ad avere 16 squadre come nel 1986”, le parole del patron dei partenopei all’uscita dall’assemblea dei club europei (Eca) che si è svolta a Roma. “Io ridurrei in tutto il calcio europeo il numero delle squadre” ha spiegato, rivelando che nel corso dei lavori dell’Eca il presidente della Fifa, Infantino, “voleva proporre un’ulteriore competizione per i top club, e noi abbiamo detto di no perché non si può sempre aggiungere senza mai sottrarre”.

L’altra idea del presidente del Napoli è un campionato europeo per club: “Io da sempre sono per un campionato europeo per club in parallelo ai campionati nazionali, con partite andate e ritorno ogni settimana tra le 20 squadre più meritevoli, ovvero tra quelle che nei rispettivi campionati nazionali sono arrivate nei primi posti – aggiunge De Laurentiis -. Ci dobbiamo quindi sedere attorno a un tavolo e stabilire quali sono i nuovi percorsi da fare per accedere a quel tipo di campionato europeo”.

De Laurentiis, Funivie Folgarida Marileva
Aurelio De Laurentiis (foto Insidefoto.com)

“Ancora siamo nella politica dei piccoli passi, ma come Eca contrapponendoci alla forza della Fifa e dell’Uefa cerchiamo di difendere gli interessi di ben 400 club europei, e credo che in questi 10 anni si siano fatti dei passi avanti. Nei prossimi 10 ne faremo tanti altri. Se vogliamo far restare i giovani legati a questo sport straordinario noi dobbiamo cambiare tutte le regole, se non lo faremo si annoieranno da morire e giustamente finiranno a giocare con gli esports, gli electronic games”.

Tornando a parlare dell’ipotesi di un torneo riservato alle migliori formazioni continentali, De Laurentiis ha evidenziato poi il suo punto di vista: “Pensate che bello avere dal martedì al giovedì la competizione in Europa e il sabato e la domenica quella nazionale. Però quest’ultima non può essere con 20 squadre, non si può fare. Se la Lega di Serie A proverà prossimamente a ridurre il numero di club? Vi dico questo, con Lotito c’è una sola divergenza: entrambi vogliamo ridurre, lui però vuole attuare la politica dei piccoli passi e scendere a 18, io dico invece che nel 1986 eravamo 16 e dobbiamo tornare ed essere 16”.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here