Diritti Tv tutela consumatori
(foto Insidefoto.com)

«Domani firmeremo il decreto sulla riorganizzazione dei diritti televisivi del calcio, la cosiddetta legge Melandri. La riforma con la riorganizzazione dei diritti televisivi era annunciata grazie ad una norma di un anno fa: arriviamo ora con i decreti attuativi. Possiamo dare questa notizia». Lo ha detto il ministro per lo sport, Luca Lotti, parlando all’emittente Lady Radio.

Il decreto, spiega l’Ansa, conterrà misure per ridurre il dislivello di guadagni tra i grandi club e quelli più piccoli. La modifica della legge Melandri infatti cambierà il volto della suddivisione dei ricavi: la fetta da dividere in parti uguali salirà al 50%, diminuirà il peso dei tifosi (dal 30% al 20%) mentre tra i risultati sportivi crescerà il peso dell’ultimo campionato (dal 5% al 15%) e caleranno le voci relativi alla storia (dal 10% al 5%) e all’ultimo quinquennio (dal 15% al 10%). «Abbiamo riorganizzato la legge Melandri – le parole del ministro dello sport Luca Lotti nelle scorse settimane – inserendo una modifica per la redistribuzione dei diritti tv, in modo da assegnare maggiori risorse alle società più piccole rendere il campionato più bello e interessante».

Infiltrazioni mafiose nello sport lotti calcio problema classe dirigente nuova legge diritti tv calcio lotti
Luca Lotti (Insidefoto.com)

La ripartizione per quanto riguarda i tifosi avverrà «sulla base del pubblico di riferimento di ciascuna squadra, tenendo in considerazione il numero di spettatori paganti che hanno assistito dal vivo alle gare casalinghe disputate negli ultimi tre anni, nonché in subordine l’audience televisiva certificata». Alla modifica, contenuta nella Legge di Bilancio 2018 approvata al Senato lo scorso 23 dicembre, dovevano essere aggiunti i criteri di ponderazione delle quote, per i quali serviva un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio.

Serie A, ecco come può cambiare la ripartizione dei diritti tv con il nuovo contratto

I criteri di ponderazione e determinazione saranno quindi contenuti nei decreti firmati domani e, secondo quanto apprende l’Ansa, non configureranno una ‘stangata’ – come paventato in un primo momento da alcune ricostruzioni dei media – per le società più grandi, anche se i tagli ci saranno e saranno di un certo rilievo. Niente stangata, quindi, ma secondo quanto riporta Repubblica, la Juventus, per fare un esempio, dovrebbe comunque prendere circa 15-10 milioni in meno (una cifra simile a quella che avevamo calcolato nelle nostre simulazioni in base al nuovo contratto per i diritti tv della Serie A). Il decreto entrerà in funzione a partire dalla prossima attribuzione dei diritti, cioè la nuova stagione.

4 COMMENTI

  1. Con i diritti tv per il prossimo triennio venduti in Uk e Spagna, la Juventus non potrà più competere con le top inglesi e spagnole perchè incasserà molto meno di queste grazie alla nuova ripartizione dei diritti tv ideata dal ministro Lotti nei confronti della quale la presidenza e la proprietà della Juve non ha fatto nulla per tutelare la Juve da questa intromissione politica che è un vero e proprio ladrocinio.
    Andrea Agnelli cosa dice a riguardo visto che è responsabile di questo divario con i top club europei e prima di lui e di jelkann la Juventus aveva gli stessi ricavi delle top europee.
    Nonostante la Juventus grazie ai propri tifosi sia nettamente prima nell’audience tv con 75 milioni di telespettatori nella stagione 16/17, il club di diritti tv, nonostante i tifosi della Juventus rappresentino la stragrande maggioranza degli abbonati pay, la Juventus incassa nettamente meno dei principali team spagnoli e la metà dei club inglesi. Questo perché il club NON E’ TUTELATO in Lega calcio e non ha telespettatori in Asia dove le partite per il fuso orario vanno di notte ( i diritti tv esteri della serie A vengono venduti a cifre ridicole per l’inesistente attrattiva data dallo spettacolo, tecnico e ambientale in primis i campi da gioco, mortificante delle partite trasmesse tra club medio bassi di serie A ) e contro la LEGGE MELANDRI imposta CLAMOROSAMENTE dalla politica nazionale contro gli interessi della Juventus..