Diritti tv, Mediapro vuole il canale di Lega: «Darebbe più valore alla Serie A»

L’obiettivo di MediaPro per la Serie A è chiaro: garantire al tifoso-spettatore “la miglior qualità al miglior prezzo possibile”. Parola di Jaume Roures, presidente e tra i soci fondatori di…

diritti tv serie a 2018 2021

L’obiettivo di MediaPro per la Serie A è chiaro: garantire al tifoso-spettatore “la miglior qualità al miglior prezzo possibile”. Parola di Jaume Roures, presidente e tra i soci fondatori di Mediapro, l’intermediario indipendente spagnolo che si è aggiudicato dalla Lega di Serie A i diritti televisivi per il triennio 2018-2021.

“Il nostro obiettivo è vendere più calcio possibile, alla migliore qualità possibile, al prezzo più giusto, collaborando con le piattaforme e aprendo nuove finestre di distribuzione”, ha proseguito Roures. La Lega Serie A ha accettato l’offerta di Mediapro come intermediario che rivenderà tutte le partite del campionato di Serie A, ma per gli spagnoli il progetto ideale resta la realizzazione del canale della Lega. “Dai prossimi giorni parleremo del futuro con i club e la Lega. Siamo convinti che la nostra proposta del canale crei più valore alla Lega e i club, e crei un prodotto migliore per l’abbonato. Se non si sviluppa, da domani comunque lavoriamo sul progetto previsto dal bando”, ha chiarito Roures.

mediapro serie a

Mediapro punta quindi a diventare non solo distributore ma anche produttore delle partite: “Tenteremo di convincere tutti che sia importante dare la stessa immagine a tutto il torneo, e che noi abbiamo una grande capacità di produzione. Il marchio ‘calcio’ deve essere identificabile, come quando si guarda una partita di Premier League e si capisce subito di che campionato si tratta. È un lavoro che la Lega, i club e noi dobbiamo fare”.

Un altro storico socio, Tatxo Benet, ha aggiunto: “Siamo molto contenti di questa aggiudicazione. Speriamo che non ci sarà nessun problema con l’Antitrust. Per noi è cruciale l’abbonato, vogliamo che chi si abbona possa vedere tutte le partite. La Serie A si vedrà su ogni piattaforma, su tutti gli schermi possibili”.

“Speriamo di fare un buon lavoro qui con la Serie A che e’ una grande competizione, con grandi giocatori. Siamo qui perche’ crediamo che abbia un grande futuro e per questo vi abbiamo investito”, ha concluso Benet.