anticipi posticipi Serie A 2017-2018
(foto Insidefoto.com)

Vincenzo Novari si tira fuori dalla corsa per il nuovo amministratore delegato della Lega Serie A.

L’ex amministratore delegato di 3 Italia, considerato da più fonti uno dei favoriti per il ruolo di ad (carica istituita con il nuovo statuto approvato dall’assemblea di Lega), ha confermato con un tweet di non ritenersi disponibile per una propria candidatura.

Si auto-esclude così dalla corsa uno dei contendenti alla poltrona di amministratore delegato. Secondo quanto rioporta Milano Finanza, Novari faceva parte di una short list di   Egon Zehnder insieme a Marzio Perrelli, ceo di Hsbc Italia, e la new entry Marco Brunelli, attuale dg della stessa Lega.

Marzio Perrelli, ceo di Hsbc in Italia
Marzio Perrelli, ceo di Hsbc in Italia

Fuori dai giochi sarebbero quindi i vari Luigi De Siervo (attuale ad di Infront), Antonio Campo dall’Orto (ex dg Rai), Tom Mockridge (ex numero uno di Sky Italia, oggi alla guida di Virgin Media), Alessandro Araimo (executive vice-presidente e general manager di Discovery Italia), e Matteo Mammì (responsabile dei diritti sportivi di Sky).

Quella di amministratore delegato, almeno secondo i principi che hanno ispirato il nuovo statuto della Serie A, dovrebbe essere una figura chiave nella nuova governance della Lega Calcio.

L’amministratore delegato si occuperà a tempo pieno della Lega e avrà competenze sulle strategie, dai diritti tv (anche se probabilmente entrerà in carica con l’asta per i diritti del triennio 2018-2021 ormai avviata) allo sviluppo commerciale, oltre che dell’ordinaria amministrazione.

 

PrecedenteL’Italia e le altre escluse da Russia 2018: gli USA pensano a un torneo alternativo
SuccessivoFassone: “Ottimista sul rifinanziamento. E senza Champions nessun problema”

1 COMMENTO

Comments are closed.