De Laurentiis VAR
Aurelio De Laurentiis (foto Insidefoto.com)

“Abbiamo ottenuto offerte a dir poco mortificanti, per un grande errore fatto da Tavecchio, Nicoletti e Infront, che è al suo ultimo mandato ma ci crea dei danni”: così il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis sulla vendita dei diritti tv internazionali della Lega Serie A. “Essere intorno ai 350, 355 o 360 milioni è molto ridicolo – ha detto -. Sapevo che avremmo aperto buste sufficienti per la fame di soldi di alcuni club ma che avrebbero impedito ai 5 più importanti di diventare competitivi nei prossimi quattro anni”.

Il patron dei partenopei ha così “ufficializzato” la cifra che sarà incassata dalla Lega per la vendita dei diritti tv internazionali all’estero. Una cifra in linea con le attese, non però con quanto si attendeva De Laurentiis.

Dopo l’apertura delle buste con le offerte degli operatori, De Laurentiis ha lasciato l’assemblea della Lega Serie A e si è presentato in sala stampa parlando per circa sei minuti. “Ve lo dico con estrema serenità, e sono serio, io sono molto deluso – ha esordito -. Lo sapevo che avremmo aperto delle buste che decretavano magari la soddisfazione e la fame di alcuni club di avere dei soldi, ma avrebbero impedito alle cinque più importanti di diventare competitive nei prossimi quattro anni”.

diritti tv internazionali serie a roadshow diritti tv calcio panoramica
(Insidefoto)

“Di fronte a una Spagna che sta a 680 milioni per l’estero, la Premier o la Bundesliga, noi abbiamo bisogno di recuperare tanti anni di grandi errori, in cui il nostro prodotto all’estero non veniva visto – ha proseguito -. Abbiamo ottenuto offerte a dir poco mortificanti, per un grande errore fatto da Tavecchio, Nicoletti e Infront. Infront è al suo ultimo mandato, ma ci crea dei danni. Se gli altri fatturano molto più di noi, e noi pensiamo di aver preso solo il doppio dell’ultimo anno, questo non è sufficiente”.

“Infront cura anche gli interessi della Figc, che quindi non andrà mai contro Infront. Dirà sempre ‘bravi, bene, fantastico!’. E tutti vissero felici e contenti”, ha proseguito il presidente del Napoli, contestando l’advisor della Lega Serie A, dicendosi “non inc… ma deluso” sui diritti tv esteri. “De Siervo a capo di Infront l’ha messo Renzi, e con tutto il rispetto che ho per Renzi non credo che Luca Lotti sarebbe mai andato contro Infront. C’è tutto questo ingranaggio che fa faticare il calcio italiano”.

lega a diritti tv estero
Luigi De Siervo (Insidefoto.com)

“Dobbiamo cambiare lo statuto, assumere un ad che si dedichi a migliorare la vendita dei diritti e massimizzare gli introiti e vendiamo prima? Cos’è questa fretta?”, ha proseguito De Laurentiis. “Già a Infront avevamo detto di non fare il bando per l’Italia perché non era il momento: ha disconosciuto il suggerimento e abbiamo fallito, ci ha creato un danno”, ha attaccato il presidente del Napoli, sottolineando che “questi 350-360 milioni ci portano al baratro: il gap con i campionati stranieri aumenterà a dismisura. Visto quanto è aumentato il costo dei giocatori, non potremo acquistare più nulla. Mi meraviglio che Inter e Milan, comprate dai cinesi, cadano nel baratro di questo misunderstanding”.

2 COMMENTI

  1. Ha ragione de laurentiis, scandaloso che il presidente della principale danneggiata da questa situazione , il presidente della Juventus A-Agnelli non intervenga.

  2. Bhe se lo dice lui, che nel calcio ha portato una miriade di sponsor e investimenti (sono in modalità ironica ovviamente), se lo dice lui che per far conoscere la propria squadra all’estero non la porta nemmeno a fare tournè all’estero…
    Come crede che possa crescere l’appeal del nostro campionato all’estero? per grazia ricevuta?

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here