bike sharing olanda stadi
(Insidefoto.com)

L’organizzazione European Healthy Stadia Network, con base a Liverpool, lavora da qualche anno a stretto contatto con istituzioni e società di calcio per sviluppare pratiche sostenibili e “salutari” nel rapporto fra i tifosi, gli stadi e l’esperienza del giorno di gara.

L’ultima iniziativa, in collaborazione con la UEFA, è stata presentata oggi e sarà attiva in occasione degli Europei femminili in programma dal 16 luglio al 6 agosto prossimi, in Olanda.

Si tratta di un’app mobile che vuole invogliare i tifosi a raggiungere gli stadi della competizione a piedi o in bicicletta, tramite percorsi suggeriti, conteggio delle calorie consumate e premi per i tifosi più “virtuosi”.

Eurosport amplia il suo team: Hope Solo è la nuova Commissioner of Football femminile

L’UEFA Women’s Euro 2017 si svolgerà in Olanda, tra sette città – e altrettanti stadi:

  • Breda, Rat Verlegh Stadion
  • Deventer, De Adelaarshorst
  • Doetinchem, De Vijverberg
  • Enschede, De Grolsch Veste (qui si giocherà anche la finale)
  • Rotterdam, Sparta Stadion
  • Tilburg, Koning Willem II Stadion
  • Utrecht, Stadion Galgenwaard

L’Italia è inserita nel Gruppo B, con Germania, Svezia e Russia.

L’app, scaricabile su dispositivi Android o iOS, si chiama “Active Match App” rientra nella campagna “A Healthy Heart Your Goal” (il tuo obiettivo è un cuore sano), promossa dall’UEFA proprio in occasione di questo torneo.

L’Olanda, terra di mobilità su due ruote per eccellenza, è senz’altro la Nazione migliore per quest’iniziativa, che sensibilizza i tifosi a un maggiore riguardo sia per salute personale sia per quella dell’ambiente.

L’app, previa registrazione gratuita, permetterà ai tifosi di selezionare la propria Nazionale e gli stadi o le partite che hanno in programma di andare a vedere.

Al momento di avviarsi verso lo stadio, l’app restituirà il percorso migliore a piedi o in bicicletta e, una volta giunti a destinazione, fornirà dettagli sulle aree di parcheggio-bici nei pressi dell’impianto, sulle calorie consumate e la distanza percorsa e sulla quantità di CO2 che abbiamo contribuito a non immettere nell’atmosfera.

Per ogni “viaggio” completato verso lo stadio il tifoso riceverà dei punti, che gli serviranno per provare a vincere un pacchetto VIP per la finale del torneo o per il sorteggio di premi minori legati alla manifestazione (biglietti standard per la finale, palloni autografati, ecc).

Un’ottima iniziativa che punta a stimolare non solo i tifosi ma anche, e soprattutto (pensando alle nostre latitudini), le istituzioni e chi gestisce gli stadi.

Guardando alla nostra Serie A o, ancor meglio, a Serie B e Lega Pro (considerando città e comuni di dimensioni minori), quanti stadi potrebbero essere raggiunti in bicicletta ma non sono serviti da percorsi o parcheggi attrezzati adatti? Anche questo può e deve essere un argomento da tenere in forte considerazione nel dibattito del “portare più gente allo stadio”, con iniziative e soluzioni virtuose in sinergia fra Club e Comuni, sempre con il tifoso al centro di ogni proposta.