serie a media spettatori 2016 2017
Lo Stadio Olimpico (foto Insidefoto.com)

Il ministro dell’Interno Marco Minniti chiede che “in tempi ragionevoli” vengano smontate le barriere divisorie che spaccano le curve dello stadio Olimpico di Roma. Lo comunica il Viminale in una nota al termine di una riunione tra il ministro dell’Interno, il ministro dello Sport Luca Lotti e i rappresentanti della Roma, l’ad Umberto Gandini, e della Lazio, il presidente Claudio Lotito. Il titolare del Viminale ha dato mandato al capo della Polizia, Franco Gabrielli, “di costruire un percorso che consenta, in tempi ragionevoli, il superamento di tale sistema divisorio, al fine di poter fruire, in condizioni di sicurezza, delle manifestazioni sportive in forma più ampia e serena”, si legge nella nota diffusa in tarda mattinata.

Barriere dell’Olimpico da superare, la nota del Viminale

“Si è tenuta questa mattina al Viminale, su proposta avanzata dal ministro dello Sport, Luca Lotti, una riunione presieduta dal ministro dell’Interno, Marco Minniti, alla quale hanno partecipato il presidente della Lazio, Claudio Lotito, l’amministratore delegato della Roma, Umberto Gandini e il direttore generale Mauro Baldissoni. Al centro dell’incontro, il tema delle barriere presenti nelle curve dello stadio Olimpico di Roma, misura straordinaria presa nel giugno 2015 che ha prodotto finora risultati positivi sotto il profilo della sicurezza”, si legge.

“Su questo presupposto, il ministro dell’Interno, Marco Minniti, ha dato mandato al Capo Polizia, Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Franco Gabrielli, di costruire un percorso che consenta, in tempi ragionevoli, il superamento di tale sistema divisorio, al fine di poter fruire, in condizioni di sicurezza, delle manifestazioni sportive in forma più ampia e serena”.

La misura che all’epoca era straordinaria era stata decisa dall’allora Prefetto della Capitale che era proprio Gabrielli. Adesso il capo della Polizia avrà il compito di “costruire un percorso che consenta il superamento” delle barriere per far tornare i tifosi a vivere il calcio in un clima sereno e partecipato. Contro le barriere, infatti, i sostenitori della Roma e della Lazio hanno ingaggiato una pacifica protesta. Sostanzialmente per tutto l’anno scorso entrambe le tifoserie hanno abbandonato la curva con relativo impatto sui conti dei club.

Nel corso dei mesi anche le società hanno mostrato le loro perplessità ed hanno auspicato che le barriere fossero tolte per riavere l’Olimpico pieno come storicamente avvenuto. Non sarà mai dimenticata, tra le tante fotografie scattate in questo anno di sciopero del tifo, l’immagine delle due curve deserte in occasione del derby di Roma giocato la scorsa stagione. Nei giorni scorsi era arrivata la determinante apertura del ministro dello Sport, Lotti. 

Malagò, “Scelta di buonsenso, tempi rapidi”

“Mi sembra una cosa di buonsenso, conoscendo la concretezza del capo della polizia, Gabrielli, sono sicuro che, in tempi rapidi, arriverà una soluzione definitiva e positiva“. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commenta la decisione del ministro dell’Interno di dare mandato al capo della polizia per il superamento delle barriere nelle due curve dell’Olimpico.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here