veltroni rifiuta presidenza lega serie a
Walter Veltroni (foto Insidefoto.com)

L’ex segretario del PD, Walter Veltroni, potrebbe essere il prossimo presidente della Lega Calcio di Serie A. Una svolta dettata dall’unione delle società medio piccole che sommando i loro 13 voti potrebbero portare all’avvicendamento.

Il suo nome verrà proposto all’assemblea che eleggerà il sostituto di Maurizio Beretta e a darne notizia oggi è il quotidiano La Repubblica che evidenzia come il fronte non veda al momento la presenza di Juventus, Roma, Napoli, Inter, Milan, Lazio e Fiorentina.

Nonostante questo giallorossi e nerazzurri sarebbero propensi a dire di sì, mentre il dato che emerge è anche il nuovo ruolo della Lazio, solitamente collante delle alleanze, che questa volta invece finisce dalla parte delle grandi.

Ma Veltroni vorrebbe una maggioranza più ampia, anche perchè al primo punto del mandato ha inserito una riforma dello statuto della Lega Calcio che garantisca il cambiamento.

Un punto, quest’ultimo, che non dovrebbe presentare problemi perchè l’idea di una “Lega Calcio spa” con ampi poteri a un presidente istituzionale e un manager operativo sono sul tavolo.

Rimarrebbe da individuare il manager che andrebbe ad affiancare Veltroni, con l’obiettivo di migliorare il prodotto e portare il campionato di Serie A al livello delle migliori leghe europee.

In marzo, peraltro, ci sarà anche l’elezione del nuovo presidente Figc, ed a tal proposito sempre Repubblica parla di un duello Tavecchio – Abodi.

Lega Calcio Walter Veltroni presidente, “Solo è solo un’ipotesi”

L’ex candidato premier del centrosinistra nel primo pomeriggio conferma la notizia pubblicata dal quotidiano diretto da Mario Calabresi in mattinata, ma precisa come sia solo un’ipotesi sul tavolo. In una dichiarazione Veltroni ha detto che “corrisponde al vero, e ne sono onorato, che sia stato consultato circa l’ipotesi, allo stato solo tale, della presidenza della Lega calcio. Non è invece assolutamente vero che abbia dato la mia disponibilità”.

Al momento, “mi sono riservato di rifletterci – aggiunge- per le implicazioni che una scelta di questo genere avrebbe sulla vita che ho scelto di vivere da qualche anno a questa parte. Nelle prossime ore, per quanto mi riguarda, dirò la mia opinione. Tutto qui”, ha assicurato. Intanto, secondo quanto si è appreso, sarebbe in corso a Milano una riunione riservata tra 13 club della Serie A più il presidente della Lazio, Claudio Lotito.