libro su aziende gruppo Ernesto Pellegrini presidente Inter anni 80
Ernesto Pellegrini a San Siro (Insidefoto.com)
Ha regalato 2 coppe Uefa, una Coppa Italia e una Supercoppa ai tifosi dell’Inter. Ma Ernesto Pellegrini è anche l’uomo che dà da mangiare a oltre metà delle aziende milanesi e, con il ristorante Ruben, anche a chi un lavoro non ce l’ha.
Il 6 febbraio, a Palazzo Reale, Pellegrini racconterà la sua storia, messa nero su bianco in un libro «Una vita, un’impresa» che presenterà con l’assessore alla Cultura, Filippo Del Corno, la presidente del Centro Studi Grande Milano, Daniela Mainini, l’ex sindaco Carlo Tognoli e il presidente di Bpm, Umberto Ambrosoli.
Da poco il gruppo Pellegrini ha festeggiato i 50 anni di vita.  Una realtà che conta 8.050 dipendenti che nel 2016 sono arrivati fino a 8.500, e gode di ottima salute: 510 milioni di fatturato, crescita dell’8%, margine operativo lordo di 40 milioni in aumento del 10% nel 2016.
Una storia di imprenditoria familiare su cui lo stesso Pellegrini scherza spesso: «Girano voci strane – riportava Famiglia cristiana qualche settimane fa – sul fatto che la Pellegrini sia in vendita. È vero, a mia figlia Valentina, però, tra vent’anni. Perché non ho nessuna intenzione di abdicare e stare a casa a dare fastidio a mia moglie».
Presidente dello scudetto dei record nel 1989, con ben 58 punti sui 68 disponibili (la vittoria valeva due punti), Ernesto Pellegrini è semre molto chiaro, peraltro, su quale fosse il vero ricavo nell’essere presidente di una squadra di calcio negli anni ’80: “Di soldi ne ho spesi tanti anche con l’Inter ma è stato è un ottimo investimento. Mi ha fatto conoscere al grande pubblico e ancora oggi dopo vent’anni è una nomea che è bello portarsi dietro”.
Ma da tempo lui stesso ha fatto capire di non voler rientrare nel calcio. “Escludo nel modo più assoluto un mio rientro, anche se resto legato, all’Inter“ aveva dichiarato infatti l’ex presidente dei neroazzurri, Ernesto Pellegrini, a margine della consegna dell’Ambrogino d’Oro a fine 2014. Da allora l’Inter è diventata cinese e sta intraprendendo un nuovo percorso, e Pellegrini rimane legato alla squadra, da tifoso vero, senza coinvolgimento diretto.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here