arsenal ricavi semestrale 2017
Olivier Giroud attaccante dell'Arsenal (Foto Insidefoto.com)

Mentre in Italia si discute sulla possibilità o meno di giocare a calcio durante le feste di Natale, in Inghilterra si sono portati avanti con il lavoro: nel 2017-2018 non solo si scenderà in campo, ma si punta ad avere partite in più rispetto al solito. Se tradizionalmente si giocano 40 match – quest’anno dal 17 dicembre al 4 gennaio – il prossimo anno se ne giocheranno 60 – presumibilmente tra il 18 dicembre e il primo gennaio. Lo riporta la BBC. Per ora è una proposta ben strutturata, ci sono tanti passi da fare e fino a giugno niente sarà certo; ma se chi fa i calendari riuscirà a convincere gli allenatori riottosi sarà fatta.

Fonte: BBC
Fonte: BBC

 

La scelta di scendere in campo più spesso nel 17-18 è condizionata dalla necessità di accorciare di qualche settimana la fine del torneo per permettere alla Nazionale di prepararsi al meglio al mondiale in Russia, in programma nell’estate del 2018. Facendo giocare due partite in più a squadra nel periodo di Natale – totale di 60 contro il totale di 40, visti i 20 club iscritti alla Premier League – di fatto aiuterebbe a finire prima di un paio di settimane.

Per gli allenatori, sottolinea la BBC, due partite in più da giocare “è difficile che possano rappresentare un bel regalo di Natale”, visto che anche quest’anno, da Wenger a Klopp, in moltissimi hanno protestato sostenendo come fosse difficile per la squadra riposare e scendere in campo senza troppi problemi durante le vacanze natalizie.

Eppure, il meccanismo funziona sia live che in tv e quindi è assolutamente legittimo pensare che in Inghilterra – dove hanno ben imparato a capitalizzare le proprie risorse – possano costringere i milionari calciatori a correre mentre tutti sono in vacanza. Il successo inglese del resto ha fatto venir voglia anche all’Italia che per ora sperimenta con la Serie B in campo il 24 dicembre. Tra i padroni del calcio di A, però, c’è un endorsement pesante: il presidente del Torino, Urbano Cairo, si è schierato apertamente a favore del boxing day.