Da compagni di “sventure” a alleati fino al matrimonio che crea una vera e propria superpotenza nel mondo dei fantasy sports.

Dopo più di quattro mesi di trattative è vicina la fusione di DraftKings e FanDuel. Le due più grandi aziende dedicate al gioco d’azzardo attraverso i giochi di fantasia sul modello del fantacalcio (Baseballe e Football Americano la fanno da padroni negli USA) si apprestano a chiudere un accordo storico che darà vita ad una nuova realtà aziendale, al momento ancora senza nome.

Il co-fondatore di Jason Robins dovrebbe rimanere amministratore delegato e il co-fondatore di FanDuel Nigel Eccles avrebbe il ruolo di presidente, secondo quanto riportato da Bloomberg.

L’obiettivo finale di questa operazione è quello di rafforzare un colpo da battaglie legali in diversi stati degli USA, dove è ancora dibattuto se devono ottenere una licenza di gioco per essere un bookmaker o settore, se si tratta di un gioco di abilità on-line.

Una disputa iniziata proprio un anno fa, come raccontato anche da CF – calcioefinanza.it.

L’operazione interesserà direttamente anche i principali sport professionistici statunitensi, visto che la NBA è nel capitale di FanDuel, mentre MLB, NHL e MLS hanno investito 270 milioni di dollari con Fox Sports in Draftkings.

Le due società naturalmente saranno anche sotto l’occhio dell’antitrust visto che già detengono una significativa quota di mercato.

Nel frattempo le fantasy-company si stanno internazionalizzando, e DraftKings è arrivato a firmare le prime sponsorizzazioni con Arsenal, Watford e Liverpool.

 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here