premium mediaset Telefónica
Mediaset Premium (Insidefoto)

Mediaset taglia prezzi pacchetti abbonamenti Premium. Mentre imperversa il caso Vivendi, Mediaset abbassa nuovamente i prezzi dei pacchetti. Ne scrive oggi il quotidiano finanziario MF – MilanoFinanza.

Si può diventare clienti della pay tv a partire da 15 euro al mese, rispetto al precedente entry level price di 20 euro al mese.

Il prezzo massimo per il pacchetto completo è sceso da 39 a 30 euro al mese. E a partire dal 24 ottobre arriverà un nuovo canale targato Discovery: si tratta di Investigation Discovery o Id.

Al contempo il Biscione deve fare di conto e come anticipato ieri sempre da MF-Milano Finanza, sta valutando uno snellimento delle attività di Premium, proprio in seguito al mancato accordo con Vivendi.

È ipotizzabile che se non si troverà a breve una soluzione, la tv potrebbe modificare il suo perimetro limitato l’offerta di contenuti e diventando più piccola.

Una decisione drastica doveva essere presa in tempi rapidi da Mediaset e così è stato.

Nel frattempo, come emerso ieri sera in ambienti legali, il gruppo tv guidato da Pier Silvio Berlusconi ha chiesto il sequestro preventivo del pacchetto del 3,5% di azioni proprie di Vivendi, ossia di quella percentuale di capitale dell’azienda francese che doveva essere concambiata con un’altra quota, di pari volume, del network di Cologno Monzese, nell’ambito dell’accordo vincolato siglato lo scorso aprile e relativo alla cessione della pay tv Premium.

Questo secondo ricorso, successivo a quello già presentato (relativo alla richiesta di risarcimento danni per mancato adempimento del contratto) e per il quale è stata fissata l’udienza il prossimo 21 marzo, è stato sempre depositato al Tribunale di Milano dove ha trovato un riscontro oggettivo da parte dei giudici, se è vero che è stata già fissata la prima udienza, per l’8 novembre (giudice Vincenzo Perrozziello).

È questa la prima vera risposta concreta da parte di Mediaset dopo il ripensamento dei francesi.

Nel frattempo il titolo Mediaset ieri ha toccato i nuovi minimi a due anni: 2,6 euro, -4%, peggior performance del listino principale di Piazza Affari.