pallone Champions League 2016-2017
Il pallone della fase a gironi della Champions League 2016-2017

L’Eca, l’associazione dei club europei, prevede di diventare sempre più ricca grazie ai cambiamenti annunciati dalla UEFA per la Champions League. Secondo alcune proiezioni, i ricavi da competizioni UEFA balzeranno da 2,35 miliardi di euro a stagione a una cifra molto vicina ai 3mld a partire dall’annata 2018-2019, cioè la prima con il nuovo assetto (UCL con 16 squadre ai gironi dei quattro campionati più importanti d’Europa, tra le altre cose).

Il ceo dell’associazione, Karl-Heinz Rummenigge solo ieri si era mostrato compiaciuto dell’accordo raggiunto dai club e dalla UEFA, felice perché il mondo del calcio europeo è riuscito a mantenere intatta la sua unità e a scongiurare il pericolo SuperLega.

Il numero uno del Bayern Monaco ha respinto le critiche di chi considera la riforma studiata dalla UEFA un favore ai grandi club europei. Anzi, “rappresenta un giusto compromesso”, ha spiegato. Secondo Rummenigge non ci sono vincitori né vinti, ma il nuovo assetto della Champions League, così come la nuova distribuzione dei premi, più di una rivoluzione rappresenta una evoluzione dell’intero sistema-calcio europeo. Del resto, erano state le parole usate dalla UEFA il giorno della presentazione della riforma. Sintonia totale.

La minore incidenza che avrà sulla divisione complessiva dei premi il market pool, cioè la quota riservata ai club in base al loro mercato televisivo nazionale, potrà ridurre alcuni paradossi, come il Manchester City che lo scorso anno ha potuto incassare più del Real Madrid vincitore a Milano: “Non era giusto e abbiamo corretto questo aspetto”, ha detto. A chi gli chiedeva se davvero si stesse pensando di anticipare alcuni incontri per permettere al pubblco asiatico di godersi le partite in televisione, Rummenigge ha detto che non sono in programma iniziative del genere: “Non abbiamo mai parlato della possibilità di giocare di pomeriggio per rendere felici i nostri amici asiatici perché credo che sia necessario mantenere il giusto feeling con i tifosi europei”.