«Quasi tutti i club italiani agiscono con operazioni che prevedono dei conti in rosso. E’ successo anche quando ero alla guida dell’Inter, ma in futuro l’Inter non avrà problemi seri in questo senso. Il risultato potrà essere migliore».

L’ex presidente Massimo Moratti, parlando all’agenzia cinese Xinhua, si è detto convinto che la situazione economica del club nerazzurro possa migliorare grazie all’acquisizione della maggioranza da parte del Suning.

«Il mio parere su questa operazione è molto positivo», ha aggiunto Moratti, «credo si potranno ottenere dei buoni risultati. Suning favorirà l’internazionalizzazione della società nerazzurra, ma al tempo stesso sarà importante avere il giusto rispetto nei confronti dei tifosi italiani, del contesto culturale e della squadra».

Nel corso dei 21 anni in cui Moratti è stato azionista dell’Inter, di maggioranza prima (dal 1995 al 2013) e di minoranza poi (dal 2013 al 2016), il club nerazzurro ha sempre chiuso i bilanci con un forte sbilancio tra i costi e i ricavi, tanto che l’ex patron nerazzurro è stato chiamato a versare nelle casse della società una cifra record di circa 1,27 miliardi di euro per coprire le perdite.

In questi 21 anni vissute all’insegna del mecenatismo di Moratti, l’Inter ha conquistato 16 trofei: 5 scudetti (2005-06, 2006-07, 2007-08, 2008-09, 2009-10), 4 Coppa Italia (2004-05, 2005-06, 2009-10, 2010-11),  4 Supercoppa Italiana (2005, 2006, 2008, 2010), la Coppa Uefa 1997-98, la Champions League 2009-10 e il Mondiale per club 2010.