Sapaz Agnelli apertura trust fiduciarie. Gli Agnelli-Nasi riformano la Giovanni Agnelli & C, l’accomandita per azioni che rappresenta la vera cassaforte della dinastia piemontese. La Sapaz infatti (così come viene chiamata in gergo la società in accomandita di casa Agnelli) controlla con quasi il 51,4% la holding Exor, che a sua volta detiene le quote della famiglia nelle società operative quali Cnh Industrial, Fca, Ferrari, Juventus e Partner Re. Ne scrive oggi il quotidiano MilanoFinanza. In particolare: Le norme che regolano il trasferimento delle azioni della cassaforte di famiglia imponevano la cessione solo a consanguinei. Ora sarà consentito il conferimento a una fiduciaria o a un trust.

Nel dettaglio, l’assemblea straordinaria degli azionisti della Giovanni Agnelli Sapaz tenutasi a Torino il 6 giugno ha modificato il proprio statuto nella parte inerente il trasferimento delle azioni proprie, oltreché ratificare le dimissioni del socio accomandatario Gianluigi Gabetti rassegnate il 15 luglio dello scorso anno.

In particolare, lo statuto prevedeva che le azioni ordinarie della sapaz potessero essere cedute o alla società stessa oppure soltanto a discendenti consanguinei del possessore (o a società di questi ultimi) intendendo come consanguinei i discendenti di Clara Agnelli, Giovanni Agnelli, Susanna Agnelli, Cristiana Agnelli, Umberto Agnelli, Clara Nasi, Laura Nasi, Giovanni Nasi ed Emanuele Nasi. Ovvero i discendenti dei figli del senatore Giovanni Agnelli (il fondatore della dinasta).

Nello stesso tempo lo statuto prevedeva un trattamento simile anche per le azioni di tipo B, ovvero i titoli della sapaz paragonabili ad azioni risparmio, in quanto non hanno diritto di voto nell’assemblea ordinaria ma in caso di distribuzione degli utili spetta loro un importo unitario maggiorato rispetto a quello corrisposto ai titoli ordinari.

Ora con l’assemblea del 6 giugno tali norme sono state modificate, nel senso che sarà ora consentita la cessione di azioni ordinarie o di tipo B «a una società fiduciaria scelta di comune accordo col consiglio degli accomandatari (e con specifiche limitazioni al cambiamento del fiduciante.

Nello stesso tempo è stato introdotto un nuovo articolo che consente la cessione di azioni ordinarie o di tipo B anche a un trust. Anche in questo caso ci sono specifici limiti e controlli da parte degli accomandatari sul trust.

Va ricordato che la Giovanni Agnelli sapaz ha un capitale sociale di oltre 187 milioni ed è saldamente controllata dal ramo Giovanni Agnelli che fa capo a John Elkann, ormai l’indiscusso numero uno della dinastia industriale.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here