I cinesi vogliono anche il Genoa: Preziosi può lasciare la maggioranza

Dopo Inter e Milan, anche il Genoa interessa alla Cina. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, infatti, pure la società ligure è nel mirino di un…

kia euro 2016

Dopo Inter e Milan, anche il Genoa interessa alla Cina. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, infatti, pure la società ligure è nel mirino di un imprenditore cinese.

Enrico Preziosi aveva già dichiarato di voler passare la mano. La prima trattativa era stata, lo scorso ottobre, quella con Giovanni Calabrò, che si era conclusa, però, con un nulla di fatto. «C’è stata una trattativa per la cessione di parte di quote ma non si è realizzata e io continuo ad avere la quota di maggioranza del Genoa», le parole con cui il patron rossoblu aveva chiuso all’affare.

«Vogliamo dare stabilità al club ed alzare un pochettino l’asticella e per questo c’è bisogno di investimenti», aveva spiegato invece Preziosi parlando della ricerca di nuovi investitori. Anche perché il piano per l’autogestione del club (indipendente, quindi, dagli interventi economici del proprietario), per ora, si basa quasi esclusivamente sul taglio dei costi e sulle plusvalenze, come sottolineato dai numeri dell’ultimo bilancio.

Così la ricerca di potenziali acquirenti è proseguita. E, come riporta il Corriere della Sera, si sono fatti avanti un gruppo canadese, uno del Qatar ma soprattutto un investitore cinese, che avrebbe un patrimonio stimato in circa 15 miliardi di euro. Colloqui che quindi, in attesa di scoprire il nome del gruppo (sul quale vige riserbo, in base ai patti di riservatezza già siglati), sono già avviati, con una lettera di intenti che dovrebbe essere firmata intorno al 13/14 giugno prossimo, mentre la due diligence non è stata ancora iniziata.

Sul piatto ci sarebbe la maggioranza delle quote del Genoa, con il gruppo cinese che pare essere interessato ad acquistare una percentuale vicina al 70/80%, lasciando il resto all’attuale presidente. Una trattativa che potrebbe avere sviluppi già nelle prossime settimane, quindi, anche se c’è da dire che pure in passato il club rossoblu aveva avuto contatti con gruppi cinesi interessati, contatti che però alla fine non hanno mai trovato un sbocco in una vera trattativa per la cessione.