Pozzo cessione Granada, il club spagnolo non fa più parte della galassia del patron dell’Udinese: è stato infatti ceduto ai cinesi di Desports.

Secondo quanto riporta il Messaggero Veneto, infatti, la società andalusa è passata nelle mani del colosso cinese del marketing per una cifra intorno ai 37 milioni di euro. L’accordo sarebbe stato siglato sabato sera a Londra da Gino Pozzo, figlio del patron Giampaolo. Per formalizzare la cessione i Pozzo aspettano la prima tranche dei 37 milioni entro i prossimi quindici giorni, ma dalla Spagna filtra una certa sicurezza, visto che la proprietà sarebbe stata impressionata dai piani e dalle garanzie messe sul piatto dal gruppo cinese.

Decisiva l’intermediazione della Media Base Sport, agenzia di Pere Guardiola (fratello di Pep) che gestisce calciatori come Luis Suarez e Andres Iniesta. Che entrerà a poco a poco nella gestione del Granada, tanto che lo stesso Guardiola avrebbe già offerto la panchina a Jorge Sampaoli, ex ct del Cile. Una triangolazione particolare, visto che la MBS è dallo scorso aprile di proprietà del Wuhan Double, a suo volta proprietaria dell’agenzia di marketing Desports. L’obiettivo è quello di sviluppare giovani giocatori da poter, in seguito, anche portare in Cina, dove il mercato calcistico è in continua evoluzione.

Pozzo cessione Granada, c’è il comunicato

L’affare è stato anche confermato da un comunicato, emesso proprio dalla Media Base Sport: «Gino Pozzo e Jiang Lizhang hanno trovato un accordo per l’acquisizione del Granada da parte della Link International Sports Limited (che fa capo alla cinese  Desports). Gino Pozzo inoltre afferma che l’accordo sarà ufficiale entro due settimane».
Resta da risolvere il nodo su alcuni giocatori che l’Udinese aveva messo nel mirino, prestandoli anche al Watford, come ad esempio Molla Wague e Samir (passato dall’Hellas Verona a gennaio), ma anche l’esterno Dimitri Foulquier, francese classe ’93 campione del mondo U20 nel 2013 con Pogba.