Milan Fininvest – «Con Mr Bee non sono finite le discussioni, mentre c’è pour parler preliminare – mai negato – con altri soggetti interessati». Così Fininvest, la holding della famiglia Berlusconi cui fa capo il 99% del Milan, è intervenuta dopo le indiscrezioni, rilanciate da Repubblica, di uno stop delle trattative con il broker thailandese per l’acquisizione del 48% del Milan e di presunti nuovi contatti con altri soggetti.

«Anche oggi Repubblica si sente in dovere – si legge nella nota – di regalare ai suoi lettori l’ennesimo colpo di scena sulle trattative per la cessione di una quota di minoranza del Milan. Che poi tutto questo poco o nulla abbia a che fare con la verità dei fatti, è un dettaglio che evidentemente viene considerato marginale. Se due giorni fa lo scoop fasullo era la fine delle discussioni con mister Bee che invece finite non sono, oggi il quotidiano trasforma in colloqui ormai avanzatissimi un pour parler preliminare – mai negato – con altri soggetti interessati, si dilunga su ipotesi di valutazioni economiche e di governance che non rispondono al vero, fantastica su blitz e pressing per la vendita che nessuno si è mai sognato di fare».

«E giusto per non perdere l’occasione – aggiunge Fininvest nel comunicato -, riesce perfino a parlare di presunte “difficoltà” di Mediaset, azienda che viceversa ha dati di bilancio positivi e che ha finanziato autonomamente tutte le numerose mosse di sviluppo operate negli ultimi esercizi. Quanti altri finti scoop saremo costretti a leggere prima che la realtà torni a prevalere sulla fantasia e sulle strumentalizzazioni?».

Secondo Repubblica, alcuni dirigenti Fininvest insieme al presidente della holding, Marina Berlusconi, starebbero seriamente valutando una alternativa a Mr Bee rappresentata da una cordata di imprese cinesi controllate dal governo di Pechino.

Il quotidiano ha inoltre sottolineato che i nuovi acquirenti sarebbero interessati all’acquisto dell’intero pacchetto di azioni (il 99%) e avrebbero messo sul tavolo un’offerta di 600 milioni di euro. Repubblica scrive anche che Marina e Pier Silvio Berlusconi starebbero cercando di convincere il padre a accettare la proposta cinese. «Non è un mistero – si legge nell’articolo – che Marina, con il fratello Pier Silvio, voglia sgravare Fininvest del fardello Milan, per liberare risorse da destinare a Mediaset in difficoltà e a nuove avventure imprenditoriali, come la fusione tra Mondadori e Rcs Libri. L’obiettivo è di convincere il padre ad accettare l’offerta, per quanto al ribasso, della cordata cinese: si realizzerebbe comunque una plusvalenza, rispetto ai valori di carico in bilancio».

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here