Sorteggi Euro 2016, l’Italia rischia grosso: dall’urna di Parigi, infatti, gli azzurri hanno molta probabilità di trovare una big. Tutta colpa, o quasi, del maledetto Mondiale 2014 in Brasile.

Il sorteggio per i prossimi Europei si baserà infatti sul Ranking Uefa per nazionali, il cui meccanismo è diverso da quello del Ranking Fifa: il primo, infatti, si basa soltanto sui risultati ufficiali delle squadre, mentre il secondo tiene in considerazione anche le partite amichevoli. Per la graduatoria di questo sorteggio si è per questo tenuto conto dei risultati nelle qualificazioni e Europei 2012 (per un peso del 20%), qualificazioni e Mondiali 2014 (40%) e qualificazioni agli Europei 2016 (40%). Per questo risultato finale:

1) Germania 40236

2) Spagna 37963

3) Inghilterra 35963

4) Portogallo 35138

5) Belgio 34442

6) Italia 34345

Graduatoria che ha portato a questa divisione nelle fasce:

– fascia 1: Francia (paese ospitante), Spagna, Germania, Inghilterra, Portogallo e Belgio.

– fascia 2: Italia, Russia, Svizzera, Austria, Croazia e Ucraina.

– fascia 3: Repubblica Ceca, Svezia, Polonia, Romania, Slovacchia e Ungheria.

– fascia 4: Turchia, Irlanda, Islanda, Galles, Albania e Irlanda del Nord.

Sorteggi Euro 2016, perché l’Italia è in fascia 2

L’Italia, in realtà, stando al ranking sarebbe la quinta nazionale d’Europa, ma è stata scavalcata dalla Francia in quanto paese ospitante, facendo quindi scalare la squadra di Conte in seconda fascia (essendoci quattro fasce da 6 nazionali). Ma come hanno fatto gli azzurri, che in questo ciclo hanno comunque una finale all’attivo, ad essere stati superati anche dal Belgio, che ad Euro 2012 non ha nemmeno partecipato? Due i motivi principali: il flop nel Mondiale 2014 e il minor numero di gol segnati. Il Ranking Uefa per Nazionali, infatti, tiene conto, oltre che di vittorie e sconfitte, anche delle reti realizzate. E solo il Portogallo, tra le prime squadre, ha segnato meno gol dell’Italia in questo parziale: 63 reti gli azzurri, 62 i portoghesi, con Belgio a 69, Spagna a 79, Inghilterra a 86 e Germania a 121. Poi, ovviamente, incide il pessimo risultato nel 2014, anche se come gli azzurri sono usciti ai gironi anche spagnoli, inglesi e portoghesi. Meno gol e la fallimentare avventura brasiliana: ecco come l’Italia si è complicata la strada nel sorteggio Euro 2016.