Tavecchio, il presidente della Figc, sembra avere idee molto chiare, sia per quanto concerne la riforma dei campionati, sia per quanto riguarda la Nazionale ed il rinnovo di contratto di Antonio Conte.

Per approvare la riforma dei campionati “serve il 75% del Consiglio federale ma il vero problema e’ economico, i soldi che vanno distribuiti e le mutualità che vanno riparametrate per ridurre gli organici“. Lo ha detto il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, ai microfoni de “La Politica nel Pallone” su Gr Parlamento. “Chi perde 2-3 società deve avere dei ritorni attraverso i cosiddetti ‘paracadute’, e’ il tema dominante, il resto sono chiacchiere e quando ci sono milioni in ballo da trovare, la casa madre, che e’ la serie A, deve dire quanto e’ disponibile a mettere sul tappeto per ristrutturare la questione“. A proposito di serie A, Abodi non ha escluso di riprovarci per la presidenza della Lega. “Ha tutte le caratteristiche per candidarsi, poi bisogna vedere i consensi, dipende da quello“, commenta Tavecchio.

In merito alla scandalo Fifa, il numero uno di via Allegri ha le idee molto chiare: “Lo scandalo Fifa? La posizione della Figc, espressa da me in totale solitudine, è stata quella di votare contro la rielezione di Blatter. Noi abbiamo appoggiato la candidatura di Platini quando è stato indicato. Nelle riunioni che facciamo a Zurigo con la Uefa, su 53 federazioni, 49 hanno detto Platini. Adesso intervenire su fatti ancora non cogniti alla federazione credo sia molto presto. Siamo in attesa di capire come si svolgerà la parte giuridica“.

Argomento fondamentale in questo periodo è la Nazionale di Antonio Conte. L’obiettivo è qualificarsi ad Euro 2016 dalla porta principale; quello secondario è il rinnovo dell’allenatore anche se Tavecchio non sembra pensarla proprio così su quest’ultimo punto.

La nazionale sta bene per adesso. Abbiamo la trasferta in Azerbaigian poi la Norvegia in casa. Speriamo di fare bottino pieno a Baku, poi vedremo. Conte lo vedo con il piglio giusto. Sono contento di quello che sta facendo il mister. Rinnovo? Ancora no. Conte deve portarci agli Europei e fare gli Europei, poi vediamo. Lo sponsor comunque ci ha garantito il contributo per quattro anni”.

Il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, vede bene il percorso che sta facendo la Nazionale di Antonio Conte. Unico neo la mancata qualificazione dell’Under 21 alle Olimpiadi. “L’unico neo è la mancata qualificazione alle Olimpiadi, è l’unico cruccio da quando sono presidente“. Tavecchio, a ‘La Politica nel Pallone su Gr Parlamento, ha anche parlato della questione legata al calciofemminile. “Abbiamo fatto di tutto e di più, come l’apparentamento con le società di Serie A. Stiamo preparando un bouquet di società che hanno una attività mista“.