Champions league streaming. Se in Italia sarà Mediaset Premium a trasmettere tutta la Champions league dal 2015 al 2018, in Inghilterra lo stesso scherzetto ai canali Sky l’ha giocato BT sport (acronimo di British Telecom) che da quest’anno trasmetterà tutte le partite della massima competizione continentale.

E l’esordio di ieri sera con la partita tra Lazio e Bayer Leverkusen (e tutte le altre in contemporanea) è parso particolarmente promettente, soprattutto perchè l’esperienza della visione della partita (in tv ma anche online) viene arricchita da una serie di possibilità davvero interessanti.

Oltre alla diretta della gara sono infatti a disposizione una serie di menu che permettono di visualizzare le formazioni in campo e – in tempo reale – l’esatto posizionamento dei giocatori (ovvero il punto medio sul campo in cui il giocatore tocca la palla).

lazio3

Non solo, a partita in corso vengono segnalati i gol dagli altri campi ed è possibile aprire una sotto finestra che permette di vedere la segnatura nell’altra partita senza togliere al contempo l’occhio dalla gara che si sta seguendo.

Il tutto naturalmente con una linea che – anche per chi ha un abbonamento base – è assolutamente stabile e performante e che in caso di cali di banda rimodula le immagini (che sono di altissima qualità perchè trasmesse in HD) rimaneggiandole ma senza bloccare lo stream.

lazio5

A questo si aggiungono le schermate statistiche in cui è possibile vedere a gara in corso i km percorsi da ciascun giocatore e la velocità massima raggiunta dagli stessi.

Ieri ad esempio Keita è stato il più veloce tra i giocatori in campo toccando i 32,3 km/h contro i 32,2 km/h di Bellarabi e i 30,9 km/h di Candreva. Un dato, quello del senegalese, che confrontato in tempo reale con Klose (più mobile: ha percorso 4,5 km in 45′ contro i 3,5 km di Keita ma più lento con una velocità massima a 25,5 km/h) dà già una lettura chiara del perché la Lazio giocando di rimessa sia riuscita a vincere la gara nel secondo tempo.

lazio9Un’esperienza davvero coinvolgente. Si noti poi nell’immagine qui sopra la timeline in basso allo schermo. Rappresenta semplicemente l’andamento della partita in cui è facile visualizzare immediatamente gli eventi principali: i gol come le ammonizioni e le azioni salienti. Un semplice click e le immagini saltano al clip che più interessa.

In questo modo si può (ad esempio a fine primo tempo) andarsi a fare una sorta di autoregia e disporre immediatamente delle clip da rivedere (anche a partita in corso) per apprezzare e ri-analizzare la partita: i falli, le azioni controverse, ma anche le situazioni tattiche, le situazioni decisive. Oppure andarsi a vedere le altre partite, con la stessa modalità.

Il tutto può essere fatto anche in diretta, con la possibilità poi di rientrare dal minuto in cui si è interrotta la visione oppure attraverso il tasto “Go Live” riprendendo dalla presa diretta della partita.

lazio8

Se le innovazioni di Sky erano parse particolarmente interessanti negli ultimi anni, con i mosaici, la possibilità di vedere i gol o di avere alert per non perdere nemmeno una marcatura in diretta, nel caso di BT sport il servizio raggiunge un livello ancor più avanzato, perchè l’esperienza è estremamente personalizzabile.

In UK Bt sport offre questo tipo di pacchetto in abbinata con l’abbonamento alla connessione Internet a casa – per un prezzo mensile che equivale a 37 euro tutto incluso – e nell’offerta dei canali sono comprese anche 38 partite in esclusiva della Premier League (quelle del sabato alle 12.45 ora inglese) oltre alle esclusive del campionato italiano di serie A, della Bundesliga, del campionato scozzese. Non solo, chi ha questo tipo di abbonamento ed è al contempo abbonato a Sky può ricevere gratuitamente gli stessi canali anche in modalità digitale.

Una novità davvero interessante per vedere e rivedere la Champions League. I malati di calcio d’Oltremanica certamente stanno già apprezzando l’offerta accettando di buon grado il passaggio da Sky a Bt che come in Italia ha costretto molti a fare i conti con il proprio “palinsesto” televisivo domestico.