Cinquantotto milioni di euro spesi finora, la volontà di spenderne altri 25, e forse non è finita qui. Il mercato del Milan finora è stato tutt’altro che parsimonioso: 30 milioni per Bacca, 8 per Luiz Adriano, 20 per Bertolacci più l’offerta (per ora senza esito) per Romagnoli, ferma a 25 milioni di euro. Ma non è finita qui: se il centrale della Roma non arrivasse, i rossoneri ne cercherebbero un altro. E la ciliegina Ibra, seppur sottotraccia, potrebbe ritrovarsi sulla torta rossonera già ad inizio agosto, dopo la Supercoppa francese.

Mancano pochi giorni all’arrivo in Italia di Bee Taechaubol, che sarà a Milano per la firma del contratto che gli darà il 48% del club rossonero. Dovrebbero così arrivare anche i primi soldi da parte del thailandese, con il quale finora c’è stata solo un’intesa, ma di liquidi ancora non se ne sono visti. Ecco perché secondo Repubblica l’ingresso in società del broker porterà immediatamente una cifra intorno ai 100 milioni di euro, parte dei quali potrebbe essere utilizzata per rinforzare la squadra di Mihajlovic già in questa sessione di mercato. Fino ad ora le risorse impiegate per l’acquisto dei giocatori sono arrivate solo da Fininvest. Ma Berlusconi si aspetta che anche il thai inizi presto a fare la sua parte.

Si attende anche per questo per sferrare l’attacco decisivo agli ultimi obiettivi della campagna acquisti rossonera. Con quei nuovi fondi Adriano Galliani proverà a chiudere per il centrale difensivo, che sia Romagnoli o meno, per poi concentrarsi sull’ultimo tassello del club, cioé Zlatan Ibrahimovic: il suo acquisto verrebbe a costare una cinquantina di milioni (inclusi ingaggio per tre anni a 7 milioni di euro, le commissioni per Raiola e l’indennizzo per il cartellino al Psg). Secondo il quotidiano romano ci potrebbero essere altri investimenti in mezzo al campo, ma solo se dovesse partire qualcuno: la lista dei 25 giocatori prevista dalle nuove regole incombe, e il Milan al momento ha troppi tesserati.