Ma che se ne fa un giocatore di tutti quei soldi? Domanda lecita, di fronte agli ingaggi di alcuni protagonisti del mondo dorato del pallone. C’è chi li sperpera, chi si concede alcuni lussi che prima non avrebbe potuto permettersi, c’è chi  li usa per costruirsi un vero e proprio impero, capace di generare altri soldi tali da garantire un futuro sereno anche dopo il ritiro.

Uno di questi è Cristiano Ronaldo. Nonostante i soldi a palate realizzati ogni anno come ingaggio, il numero 7 del Real Madrid ha deciso nel tempo di investire, soprattutto in imprese e proprietà. Senza rinunciare così a coltivare un po’ anche al culto della propria personalità.

Dall’intimo maschile alle case, passando per le discoteche

Cristiano Ronaldo è considerato il giocatore di calcio più ricco del pianeta. Secondo le stime di Forbes, il portoghese ha una ricchezza personale stimata in 210 milioni di euro: 10 in più del secondo classificato, Lionel Messi. Ma qui non si tratta di commentare la solita corsa a due tra CR7 e la Pulce argentina. In questo caso, il protagonista è solo il lusitano, proprietario di un vero e proprio impero. A cominciare dal marchio, CR7, che grazie anche alla vittoria del Pallone d’Oro 2014 è arrivato da solo a valere 60 milioni di dollari, come svelato tempo fa da Calcio&Finanza.

cristiano ronaldo impero economico scarpe

E poi, ci sono gli investimenti, messi in fila da Marca. La moda è una delle passioni di Cristiano Ronaldo, tanto da farlo decidere di aprire una linea, firmata con il logo CR7, di intimo maschile e di scarpe. La prima si chiama CR7 Underwear, la seconda Footwear. Per le zapatos, il prezzo può variare da 115 a 630 dollari. Sono molti di più, 15mila euro al mese, i soldi spesi da Cristiano Ronaldo per la sua villa in una proprietà da 3mila metri quadri in uno dei quartieri a più alta urbanizzazione di Madrid, La Finca. Nove bagni e una suite dotata di Jacuzzi gigante completano l’opera, valutata complessivamente 10 milioni di euro. A Terras de Bouro, in Portogallo, c’è un’altra delle sue magioni: 5mila metri quadri di cui 700 per la casa e il resto di parco e persino un eliporto. Valore totale, 4 milioni di euro. La metà vale quella nel miglior quartiere di Lisbona, la Avenida de Libertade. Sempre in Portogallo, nell’Algarve (zona a sud, che vive di turismo esclusivo e ora in espansione), Cristiano ha aperto la discoteca Seven, dove anche vip come Paris Hilton hanno fatto da dj per una sera.

I lussi: orologi, auto e un museo personale

A Cristiano Ronaldo sono sempre piaciute le auto di lusso: ne possiede 15. La gamma spazia da una Bugatti Veyron (1,3 milioni di euro di valore) a una Koenigsegg CXX (390mila euro), fino alla Lamborghini Aventador (366mila euro). Una collezione alla quale si aggiungono 50 orologi, ovviamente di lusso. E poi c’è il museo personale inaugurato nel 2013 a Madeira, isola natale del calciatore: grande 400 metri quadri, contiene foto e tutti i trofei vinti dal giocatore in tutta la sua carriera.

Il lato “buono” di CR7

Ma il giocatore ha messo più volte la sua fortuna a disposizione di chi ha avuto bisogno. Come quando, lo scorso anno, ha aiutato il piccolo Erik, un bambino affetto da una rara patologia che lo costringeva a subire fino a 20 attacchi epilettici al giorno. Per l’occasione, il giocatore si è messo a disposizione della famiglia per pagare tutte le operazioni. Così come ha aiutato Nuhazet, che soffriva di un raro tumore alla colonna vertebrale. Sia lui che il suo procuratore, Jorge Mendes, si sono offerti di trovare il farmaco necessario a tenerlo in vita, per poi invitarlo al Bernabeu.