Real Madrid Movistar, un sodalizio commerciale che si consolida di anno in anno sempre di più. Questa volta, il motivo che consente di unire Real Madrid e Movistar è la creazione di una app per celebrare la conquista della decima Coppa dei Campioni da parte del club di Florentino Perez.

La coppa dalle grandi orecchie mancava in casa Real dal 2002, quando Zidane e compagni sconfissero per due a uno il Bayer Leverkusen. La conquista della “Decima” a discapito dell’Atletico Madrid di Simeone è un qualcosa che la dirigenza dei Blancos vogliono mettere in risalto e quale può mai essere il modo migliore se non quello di creare una app che celebra proprio questa importante e storica vittoria.

Dal canto suo, la Movistar non è nuova a questo tipo di partnership ed infatti, è una delle poche aziende ad essere partner ufficiale di due grandi club: Real Madrid e Barcellona.

Secondo quanto riporta il giornale online ‘Marketing Deportivo’, il nuovo accordo Real Madrid Movistar, raggiunto pochi giorni fa, riguarda la creazione di un documentario intitolato: “Nel cuore della Decima.

La nuova applicazione può essere scaricata dai tifosi del Real Madrid sui loro tablet e smartphone, dando così loro l’accesso a contenuti esclusivi sponsorizzati dalla compagnia telefonica come le immagini finali inedite di Lisbona.

L’accordo raggiunto dalla Movistar con il Real Madrid è uno dei tanti che l’azienda di telecomunicazione porta avanti da tempo. D’altronde, le partnership raggiunte dall’azienda spagnola con le società di calcio hanno una strategia ben precisa, cioè quella di espandere il proprio marchio nel mondo del calcio. Un esempio di tale strategia è l’accordo triennale raggiunto un mese fa con il Barcellona, volto ad incrementare la popolarità di entrambi in America Latina tramite un video nel quale compaiono come ambasciatori alcuni calciatori sudamericani come: il portiere cileno Claudio Bravo, acquistato la passata stagione dalla Real Sociedad e protagonista durante l’ultima edizione dei Mondiali, l’argentino Javier Mascherano, l’uruguaiano Luis Suarez e il brasiliano Neymar.

PrecedenteBayern Monaco, continua la strategia di sviluppo negli Stati Uniti
SuccessivoSerie A TIM, vuoi tenerti sempre aggiornato? Ecco l’app ufficiale
Laureato in scienze politiche, ha frequentato il master in 'Informazioni multimediali e giornalismo economico' presso il Sole24Ore.