Dopo l’ennesima contestazione andata in scena ieri sera a San Siro, in occasione del turno infrasettimanale contro il Genoa, la Curva Sud, cuore pulsante della tifoseria rossonera, ha emesso un altro comunicato ufficiale per esprimersi sull’attuale situazione societaria.

Innanzitutto i tifosi rossoneri si auspicano che la sempre più probabile nuova società, sia all’altezza della gestione di Silvio Berlusconi e che quindi investa in modo importante per riportare il Milan in alto. “Siamo giunti a una svolta storica per il nostro Milan – si legge – proprio in queste ore il nostro presidente, quello che ci ha prelevati in un’aula di tribunale e solo tre anni dopo ci dava la gioia di vedere alzare la terza coppa dei campioni della nostra storia, ora si trova di fronte ad una svolta epocale. Purtroppo tutte le storie hanno un inizio ed una fine. E se una nuova pagina si deve scrivere auspichiamo che sia una pagina di storia all’altezza di chi oggi ci potrebbe salutare”. Nel mirino dei tifosi e della contestazione di ieri sera c’è ancora l’AD Adriano Galliani, accusato dagli ultras rossoneri di aver investito malissimo i soldi messi a disposizione dalla società negli ultimi due anni. A tal proposito i tifosi, senza fare esplicitamente il suo nome hanno aggiunto che: “Il nostro presidente nel momento peggiore della sua gestione si trova ora a dover prendere l’ennesima decisione d’amore, perché a fronte della situazione attuale e della cattiva gestione da parte di chi gli è più vicino, ha dovuto vedere il Milan toccare il fondo. Sarebbe un grandissimo errore, dare continuità ed un posto in società a personaggi che ci hanno ridotti alla situazione attuale”. La situazione in casa rossonera è sempre più complicata, in quanto adesso al centro della critica ci sono anche i giocatori, definiti indegni di vestire una maglia così gloriosa, e l’attuale allenatore Filippo Inzaghi, incapace di provocare quantomeno una reazione d’orgoglio nei suoi calciatori.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here