Alitalia Coni – Alitalia e Coni stringono un’alleanza strategica che prevede agevolazioni per gli atleti dello sport italiano. L’accordo, di durata biennale, è stato firmato questa mattina al Foro Italico dall’amministratore delegato di Alitalia Silvano Cassano e dal presidente del Coni Giovanni Malagò.

L’alleanza prevede la scelta di Alitalia quale compagnia aerea di riferimento per tutti i viaggi dello sport italiano, con tariffe e servizi dedicati, in volo e in aeroporto, per gli atleti e i rappresentanti delle Federazioni sportive. Nel dettaglio, il team olimpico e le squadre nazionali avranno accesso ad agevolazioni su biglietti nazionali, internazionali ed intercontinentali. Gli atleti e i tecnici dello sport italiano potranno inoltre godere di condizioni di favore per il trasporto dell’attrezzatura sportiva, una soluzione vitale per numerose discipline.

“Per noi è motivo di grande orgoglio accompagnare gli atleti azzurri in tutte le competizioni internazionali a difendere colori e valori condivisi. Volare Alitalia, e con il tricolore, è per lo sport italiano un bellissimo messaggio di unità e identità nazionale“, ha commentato l’Ad di Alitalia Cassano.
Dal canto suo, Malagò ha spiegato: “Sono estremamente felice perché in questa giornata celebriamo un accordo storico per tutto lo sport italiano e per i valori che hanno espresso e continueranno ad esprimere due aziende fondamentali per lo sviluppo di questo paese, in termini anche di tradizioni, valori, cultura ed usi. E’ un grande orgoglio per il Coni e per le Federazioni poter affermare che da oggi “Lo Sport Vola più in Alto” senza tralasciare il forte messaggio di unità e di identità nazionale. La costruzione di valore rappresenta oggi una missione necessaria per il CONI e l’accordo con Alitalia, darà l’opportunità di mettere a sistema il valore di questa partnership in sinergia con le Federazioni e a vantaggio di tutti gli stakeholder. Un CONI virtuoso, sempre più Hub, che valorizza il suo network, gli atleti e lo Sport italiano avviando progetti di valorizzazione e promozione sul territorio”.

PrecedenteJuventus, il costo di Cavani è sostenibile ma solo al primo anno
SuccessivoExpo 2015, le iniziative nel mondo del calcio
Classe 1984. Siciliano di nascita, romagnolo d’adozione, giornalista sportivo per vocazione. Tanta stampa locale (Corriere di Romagna, Resto del Carlino), poi il salto a Milano: master “Tobagi”, Sky.it, Libero, Linkiesta, Pagina99.