Parma nuovi compratori salvezza

Parma nuovi compratori – A testa alta. Anzi: #AtestAAltA. Un hashtag in cui abbondano le A maiuscole, come quella Serie che il Parma vuole onorare fino in fondo. Ma anche uno slogan che deve servire da una parte a ricompattare l’ambiente e dell’altra a convincere eventuale compratori che l’ambiente è unito e che di Parma e del Parma ci si può fidare. Nel frattempo, saranno disponibili prezzi agevolati per le ultime gare in casa.

Insomma la corsa alla salvezza, che dal punto di vista aritmetico appartiene alla sfera dell’impossibile, diventa occasione per rimettere sotto una nuova (e nuona) luce il brand Parma, minato negli ultimi mesi dalle questioni legate a Taci e Manenti. Ecco che l’obiettivo della squadra diventa chiaro: riportare la gente allo stadio, dare tutto in campo e mostrare che a Parma, chi ha davvero i soldi, può investire. 

“Dico solo che è arrivato il momento di smetterla di puntare il dito su qualcuno, i veri protagonisti ora sono i tifosi e la città di Parma”, spiega il tecnico Roberto Donadoni, sopite assieme ad Alessandro Lucarelli del sindaco Federico Pizzarotti in Comune. “Vogliamo entrare in campo, vedere gli spalti e sentire la spinta, la benzina per continuare a fare il nostro dovere con tutte le problematiche che ci sono stati. D’ora in avanti entreremo in campo e per prima cosa ci guarderemo intorno per vedere gli spalti sperando siano pieni”.

“La nostra idea è di far si che la città sia orgogliosa di noi”, aggiunge Lucarelli. “Cercheremo di fare ancora meglio da qui alla fine del campionato. Abbiamo bisogno della gente e stringerci assieme per esportare il prodotto Parma nel miglior modo possibile. Il nostro slogan “A testa alta” è azzeccato in questo senso. Dobbiamo far vedere a chi è interessato all’acquisto del Parma che va a prendere una comunità a 360 gradi, unita”