Tempi duri per il Parma, nonostante la presentazione di ieri di Giampiero Manenti, nuovo numero uno del club gialloblù, che ha rassicurato i tifosi ducali con un “Fidatevi di me” molto eloquente. Il presidente della società emiliana ha smorzato così i timori di un nuovo stato di insolvibilità della società rispetto agli impegni economici più imminenti, eppure non sono d’aiuto i calciatori della rosa che hanno ribadito che non saranno concesse proroghe alle scadenze. La situazione è chiara: o arrivano i pagamenti degli stipendi lunedì prossimo, 16 febbraio, o i giocatori metteranno in mora la società. La conferenza stampa di ieri del nuovo presidente del Parma Fc, non è servita dunque a far cambiare idea ai giocatori del club crociato.

La conferma questa mattina è arrivata dal difensore Massimo Gobbi, il quale ha tuttavia sottolineato di nutrire fiducia nella nuova proprietà . “Ci dobbiamo tutelare dopo tutti questi mesi di attesa – ha commentato -. Alla società abbiamo fatto presente che quella è la data più importante per il nostro futuro e non ci saranno ulteriori proroghe. È tutto predisposto con la nostra associazione, l’Aic. Ora diamo comunque fiducia alla nuova proprietà, perchè adesso possiamo fare solo questo – ha concluso il difensore crociato -. Arrivati a questo punto speriamo che tutto vada bene, ma sono stati mesi difficili. Spiace non aver sentito nulla sulla nostra situazione da Lega Calcio e Figc, visto che questa vicenda toccava comunque tutto il mondo del calcio“.

In caso di mancato pagamento, il Parma rischia una sanzione fino a tre punti in classifica, perché recidivo. “Stiamo correndo e rincorrendo i tempi. A breve ci sarà il nuovo cda. Abbiamo preso il Parma a ridosso di scadenze importanti e conto di arrivare ad onorare tutto in tempo” ha sottolineato ieri Manenti. Tuttavia, adesso il tempo stringe ed è arrivato il momento di dare delle risposte: Manenti si è detto sicuro di poter salvare la barca da un naufragio piuttosto annunciato.

Fabio Colosimo

PrecedenteBogarelli (Infront): “Possibile investimento cinese nello stadio del Milan”
SuccessivoBerlusconi batte cassa, Fininvest cede il 7,8% di Mediaset e incassa 400 mln
Nato a Roma nel 1984, dopo la facoltà di Scienze Politiche il salto nel giornalismo sportivo con una collaborazione triennale con Canale Inter.