La Juventus ha risposto con un comunicato durissimo alle odierne dichiarazioni di Adriano Galliani, vice presidente del Milan che in mattinata all’indomani della sconfitta  dei rossoneri contro i bianconeri, come ha riportato il Corriere della Sera, ha sottolineato che «al contrario delle altre squadre di A, la produzione delle immagini delle gare della Juve sono gestite dalla società stessa. Che scientemente non fa rivedere il replay dell’azione del primo gol».

In serata è arrivato il comunicato di replica della Juventus, durissimo, e che ha tirato in ballo anche Infront, la società advisor della Lega sui diritti Tv, guidata da Marco Bogarelli con cui Galliani ha da sempre relazioni ottime. Insomma è evidente in questo comunicato di replica della Juventus che le questioni emerse in Juventus Milan siano state solo un pretesto per continuare una battaglia all’interno della Lega che vede il Milan di Galliani alleato  di Lotito nel sostenere il presidente della Figc Tavecchio mentre la Juventus è all’opposizione

 

Il comunicato della Juventus

Il sign. Geom. Galliani è tornato alle sue antiche passioni: la televisione e la geometria. Pare però ignorare leggi dello Stato, regolamenti approvati all’unanimità dall’assemblea della Lega di A e soprattutto il campo». Galliani getta in pasto ai media una polemica speciosa e farsesca perché tenta goffamente di mascherare agli occhi dei tifosi milanisti il chiarissimo risultato sul campo: Tre a uno

Galliani pare ignorare che è la legge Melandri ad affidare ai club la produzione delle immagini televisive e tale indicazione è stata doverosamente ribadita anche nelle “Linee Guida per la vendita centralizzata dei diritti audiovisivi”, approvata all’unanimità dall’Assemblea della Lega Calcio. Pare ignorare che la stessa Lega, proprio per evitare qualsivoglia manipolazione, riserva a se stessa la designazione dei broadcaster nelle singole partite e, di conseguenza, dei responsabili della regia e dei producer. 
Pare ignorare che la produzione in capo ad un soggetto diverso dal club è un’opzione, che interviene solamente quando il club comunica alla Lega Calcio di non essere in grado di provvedere diversamente. Pare ignorare che molte società hanno scelto di delegare tale produzione, poiché in tal senso sensibilizzate da un soggetto che agisce sul mercato in veste di advisor della Lega stessa (Infront, ndr), di procacciatore di sponsor per le società e perfino di produttore d’immagini. 
A nulla vale la parziale retromarcia compiuta dal Milan (aka da Galliani, che continua ad essere l’unico rappresentante della società in Lega Calcio), che invoca un affidamento a registi indipendenti. Galliani pare ignorare che tale opzione non è prevista da alcun regolamento e dovrebbe essere soggetta ad un dibattito e ad una riforma. Pare ignorare che tale schiera di registi indipendenti sarebbe verosimilmente formata, se non addirittura fornita, dall’advisor/procacciatore/produttore già menzionato che si troverebbe nella singolare posizione di scrivere le regole, eseguirle e trarne anche i profitti. 
Galliani, poi, pare ignorare che ogni grafica (linee etc) viene effettuata dai broadcaster in post-produzione e non ha nulla a che vedere con la produzione live delle immagini, che in ogni caso viene gestita operativamente dal regista e dai producer designati dalla Lega, senza intromissioni da parte di altri soggetti. Galliani, infine, pare ignorare che da decenni la sua figura professionale ha agito in seno a due comparti principalmente: il calcio e la televisione. Quindi pare ignorare che ogni evoluzione, tecnologica, normativa e regolamentare è passata sotto ai suoi occhi, se non addirittura decisa da lui

Insomma se non una dichiarazione di guerra qualcosa di non molto lontano