strategia social del Milan

La strategia social del Milan è un po’ il fiore all’occhiello di un club che, negli ultimi tempi, si batte, come l’altra milanese, l’Inter, per obiettivi non in linea con storia, blasone e prestigio di una bacheca senza eguali. Social network e calcio, da tempo, hanno infatti costituito un binomio solido: un canale di diffusione del brand efficace, che non conosce crisi e che, in particolar modo, non è strettamente legato ai risultati ottenuti sul campo per spuntare più che lusinghieri riscontri.

Fuori dal campo, in questo senso, la società rossonera sa come coinvolgere fan e appassionati ad interagire con il suo profilo ufficiale, raggiungendo risultati davvero eccellenti. Di recente infatti, il lancio dell’hastag ufficiale #insideACM, su Instagram, ha generato, ad un solo anno dalla diffusione, ben mezzo milione di follower. Ma non solo: la strategia social del Milan riguarda un po’ tutti gli aspetti e i luoghi di “culto” del club, perchè ora, anche la nuovissima sede Casa Milan, con il museo, lo Store e, addirittura, con il ristorante Cucina Milanello, è sbarcata sul canale come elemento di attrazione tra l’account ufficiale e i tifosi milanisti.

Come sottolinea il sito media.mimesi.com, “il primo scatto che ha inaugurato la gallery è stato quello ‘rubato’ dalla collezione privata di cravatte gialle dell’Amministratore Delegato Adriano Galliani, mentre il contenuto più amato riguarda uno scatto del giocatore olandese Nigel De Jong (ben 152.061 like!). Grazie anche a questo canale il club rafforza ogni giorno la sua già forte presenza nel mondo della comunicazione digitale: come accennato, infatti, il Milan è già in prima linea anche su Facebook (oltre 22,5 milioni di fan), su Twitter (circa 2 milioni di followers), su YouTube (quasi 240mila iscritti al canale) e Google+ (4 milioni di tifosi)”.

I dati dunque, in continua crescita, dimostrano che la strategia social del Milan (oggi 1° club in Italia e 7° in Europa per numero di followers) si focalizza sempre più su contenuti esclusivi, che permettono di ridurre le distanze tra i fan di tutto il mondo.

Fabio Colosimo