Un modo nuovo per rivivere l’emozione della partita, minuto per minuto, attraverso i contenuti generati dagli utenti. Il Paris Saint-Germain insieme a Google e all’agenzia AKQA ha organizzato in una cronologia all’interno della piattaforma digitale #PARISTORIES, uno strumento che punta a ride-finire l’esperienza dei fan che hanno partecipato all’evento live e anche di chi segue la squadra preferita dall’altro capo del mondo.

Prima della partita gli spettatori intervenuti allo stadio sono stati invitati, anche attraverso un video con protagonista l’attore e regista Jalil Lespert, grande fan della squadra, a pubblicare foto e video su Google+ con l’hashtag #PARISTORIES. I contenuti sono stati poi organizzati nella piattaforma su una linea temporale che segue momento per momento il gioco, costruendo una narrazione che inizia dall’entrata nello stadio fino al fischio dell’arbitro, vista da visuali multiple: panorami a 360°, del campo, del dietro le quinte e delle tribune.

Google è protagonista anche a casa Milan. La società rossonera si è infatti preposta l’obiettivo di offrire una fruizione innovativa del museo tra cimeli storici e le tecnologie digitali, unendo online e offline. All’ingresso è possibile registrarsi in uno speciale digital point dove viene consegnato un braccialetto RFID che permette di personalizzare la visita e interagire con i contenuti del museo ospitati nelle quattro aree espositive attribuendo le preferenze registrate su G+. Ad oggi l’85% degli utenti registrati ha utilizzato attivamente il braccialetto all’interno delle sale. Sono stati più di 100.000 i “+1” espressi e poi, una volta terminata la visita, inviati via mail dal Museo a ciascun visitatore per consentirgli di ri-vivere online l’esperienza e condivi-derla con altri.

Alberto Lattuada 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here