Il Leeds United è una delle nove squadre che si prevede subirà un divieto nei trasferimenti o delle multe per eccesso di spesa in Championship. Il Leeds di Cellino, infatti, ha registrato perdite per 22.9 milioni di sterline la scorsa stagione.

Queens Park Rangers e Leicester riceveranno multe enormi, circa 30 milioni e  20 milioni di sterline, rispettivamente, in relazione alle norme del fair play finanziario (FFP) imposte dalla Leca Calcio britannica. Blackburn, Nottingham Forest, Bolton, Bournemouth, Birmingham e Middlesborough e Leeds possono aspettarsi anche loro un divieto dell’attività di trasferimento nella finestra di gennaio e in alcuni casi anche oltre, se non affrontano i loro problemi finanziari.

Secondo le regole FFP della Lega i club che si trovano ” in overspend”, e che così facendo spesso raggiungono il lucroso traguardo della Premier League, sono colpiti con multe molto salate. La punizione del Leeds potrebbe essere l’ultima delle sue preoccupazioni, però, dato che i conti 2013-2014 non sono ancora stati resi pubblici; infatti ci si aspetta un quadro allarmante fatto di caos fiscale e d’incertezza. Secondo il Mail, il reddito del Leeds è sceso a 25.3 milioni da 28.6 della stagione precedente, come conseguenza della riduzione degli introiti portati dalla TV, dai proventi commerciali e dal merchandising, che hanno creato una perdita pari a 20.4 milioni e una perdita al netto delle imposte di 22.9 milioni.

I conti contengono alcuni numeri allarmanti, in particolare gli azionisti di minoranza della Gulf Finance House, che hanno una quota del 25 per cento, devono ricevere circa 20.9 milioni sterline dal Leeds, e il proprietario di maggioranza, Massimo Cellino, che attualmente sta sfidando una sentenza della League per in adeguatezza al ruolo che sta ricoprendo, deve ricevere dal club inglese i 12.2 milioni che ha iniettato nel 2014 personalmente o attraverso società a Londra e in Italia.

Alberto Lattuada

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here