La presenza dell’uomo d’affari di Hong Kong Richard Lee in tribuna accanto a Silvio e Barbara Berlusconi durante il pareggio per 1-1 del Milan contro la Fiorentina di domenica scorsa ha scatenato la speculazione dei media su un possibile link in Cina dei rossoneri.

E’ noto che il Milan stia cercando un partner di investimento che sia disposto a prendere una quota di minoranza, fino al 30%, nel club e Richard Lee potrebbe essere apparso al Meazza proprio in qualità di intermediario di possibili investitori cinesi, che potrebbe portare anche replicare la recente apertura di Casa di Milano in Cina.

Richard Lee è meglio conosciuto in Italia per la distribuzione di marchi di lusso italiani come Ferrari, Moschino e Maserati in Cina. E’, inoltre, il figlio minore di Li Ka-shing, che possiede un impero di 32 miliardi di dollari, basata soprattutto sulla società commerciale Hutchison Whampoa ed avrebbe un patrimonio personale stimato in 1,52 miliardi di dollari. 

Dal momento in cui Silvio Berlusconi ha nominato sua figlia Barbara come direttore commerciale, il Milan si sta muovendo attivamente per cercare di sviluppare relazioni in Medio ed Estremo Oriente, al fine di diversificare le fonti di reddito.

Alberto Lattuada