roma premio scudetto

Ora è ufficiale. Unicredit ha ceduto ad As Roma Spv, la società di diritto Usa controllata da James Pallotta e dai suoi soci la quota del 31% che deteneva in Neep Roma Holding per 33 milioni di euro. Lo ha reso noto la società giallorossa in un comunicato. Oggi, si legge nella nota, “è stato sottoscritto un contratto di compravendita di azioni a mente del quale UniCredit ha ceduto ad As Roma Spv, l’intera partecipazione azionaria detenuta nella Neep Roma Holding (società controllante As Roma) per un corrispettivo pari ad 33 milioni di euro, versato per intero al momento della sottoscrizione dell’accordo”.

In conseguenza di tale cessione As Roma Spv, Llc, si legge, “incrementa la propria partecipazione azionaria in Neep Roma Holding, direttamente ed indirettamente tramite Raptor Holdco Llc, al 100% del capitale azionario di Neep Roma Holding”. Contestualmente, UniCredit, As Roma Spv, Llc e Raptor Holdco Llc (altra società riferibile a Pallotta) hanno terminato il patto parasociale relativo a Neep Roma Holding sottoscritto il 18 agosto 2011 e successivamente emendato ed integrato (anche attraverso l’adesione al patto di Raptor Holdco Llc) il primo agosto 2013.

Nel bilancio civilistico di UniCredit spa al 31 dicembre 2013 il 31% di Neep Roma Holding era iscritta a bilancio a un valore di 49,6 milioni.

Complessivamente, dunque, l’investimento della banca guidata da Federico Ghizzoni nel capitale della holding cui fa capo la Roma si è conclusa con una minusvalenza di circa 16,6 milioni. Neep Roma Holding, che aveva rilevato il controllo del club giallorosso nel 2011, grazie a un finanziamento soci per circa 160 milioni di euro (il 60% in capo a Pallotta e il 40% in capo a Unicredit), giusto un anno fa aveva convertito in capitale tale finanziamento.

Contestualmente Unicredit il cui 40% in Neep era stato valorizzato, alla luce della conversione del prestito soci, circa 64 milioni aveva ceduto a Raptor Holdco il 9% della stessa Neep per 14 milioni, rimanendo con il 31% in carico per i restanti 50 milioni (valore riportato anche nel bilancio della capogruppo Unicredit SpA al 31 dicembre 2013).

E’ dunque evidente che la cessione del 31% di Neep a Pallotta per 33 milioni è avvenuta a un prezzo inferiore ai 50 milioni che rappresentavano il prezzo di carico a fine 2013. E’ tuttavia possibile che prima di effettuare la transazione Unicredit abbia svalutato la partecipazione allineando il valore a quello di cessione. Ma ciò non toglie che l’effetto negativo sui conti della banca rimane comunque negativo per 16,6 milioni.