Valencia processo C&F
Valencia processo C&F

Il comitato di gestione istituito per la vendita del Valencia CF, composto da Bankia, Valencia CF, Fondazione Valencia e l’Istituto Valenciano di Finanza (per conto del governo) hanno ricevuto sette offerte per l’acquisizione del Valencia. I candidati per diventare proprietari del club spagnolo sono The Unique Premier 54 Limitd, un fondo di investimento anglo-arabo; Cerberus Capital Management, un fondo di venture capital americano che conta il figlio di José María Aznar come uno dei suoi rappresentanti; Zolotaya Zvezda, un fondo di capitali russo e Global Emerging Markets, un fondo americano; confermata anche l’offerta dell’azienda del magnate Peter Lim di Singapore, della società cinese Dalian Wanda dell’imprenditore Wang Jianlin e di un settimo acquirente la cui identità è ancora sconosciuta.

Valencia, potrà tornare ai suoi fasti di un tempo?
Valencia, potrà tornare ai suoi fasti di un tempo?

L’apertura delle buste

Durante l’incontro erano presenti Isidro López (VCF Foundation), Salvador Martinez (Valencia CF), Angel Luis Saiz Moratilla (Bankia) e Enrique Montes (IVF), insieme a loro c’era il notaio Ana Julia Rosello, ex consigliere del Valencia CF.
La Rosello è stata incaricata di effettuare l’apertura delle buste con le offerte vincolanti, anche se alcune di loro saranno oggetto di uno studio più dettagliato della situazione finanziaria del club, attraverso una ‘due diligence’ propria.

PrecedenteComo Calcio, l’angoscia stipendi lo perseguita. Intanto la LegaPro si dedica all’impiantistica sportiva
SuccessivoMessi, per Euromericas oggi vale 482 milioni di euro e non è la sua annata migliore
Alberto Lattuada è nato a Milano e da sempre è appassionato di calcio e finanza. Ha scritto per diversi siti specializzati nel mondo del calcio e del forex. Dal novembre 2013 dedica anima e corpo allo sviluppo e alla crescita del portale CalcioeFinanza.it