Il costo complessivo della prima triste stagione del Manchester United sotto la guida di David Moyes ha un costo ed è di 56 milioni di sterline.
L’infausto calcolo e’ stata fatto dal “The Guardian” dopo l’ennesimo tonfo stagionale dello United, questa volta in Champions League contro l’Olympiacos Pireo; inoltre i Red Devils si trovano 11 punti dietro il Liverpool che ricopre l’ultimo posto disponibile per la corsa alla qualificazione della prossima Champions League.
Questa è la stagione peggiore per il Manchester United dato che i Reds non hanno mai in precedenza finito fuori dai primi tre gradini del podio di Premier League, se poi si pensa che tra le sue fila può contare il giocatore più costoso del paese, Wayne Rooney, con  suoi i300.000 sterline a settimana, la debacle assume proporzioni ancor più risonanti. Non da ultimo rimanere fuori dalle prime quattro non sarà economicamente molto salutare a causa delle gravi conseguenze finanziarie che avrà su un club già grondante di debiti.

Moyes, un anno da dimenticare
Moyes, un anno da dimenticare

I conti in spiccioli

Lo United perderà 35 milioni di sterline dalla UEFA Champions League in contanti più i bonus. Il club guadagna 3 milioni a partita all’Old Trafford con la prospettiva di vedere almeno, come numero minimo, cinque partite a stagione, cosa che molto probabilmente quest’anno non accadrà soprattutto dopo la caotica sconfitta per 2-0 in casa dell’Olympiacos, che potrebbe chiudere le porte dei quarti di finale alla banda di Moyes. Risultato? Sono stati persi 3.2 milioni di sterline in premi in denaro. Le difficoltà, però, non finiscono qui. Il premio in denaro per ogni posto in Premier League è di 750.000; l’anno scorso avevano  intascato 15 milioni per essersi aggiudicati il titolo, ma un finale in sesta o settima posizione equivale ad una perdita di circa 5 milioni di sterline pari a cinque gare casalinghe, cifre mancanti che il prossimo anno peseranno gravemente sulle loro finanze.