nou-mestallaLa dirigenza del Valencia, nonostante la crisi finanziaria che ha colpito il club nelle scorse stagioni, non abbandona il progetto del nuovo stadio, ma rilancia con un progetto un po’ meno dispendioso, che permetterà di risparmiare una cifra compresa tra i 50 e i 60 milioni di euro, ma permetterà comunque alla società di dotarsi di un nuovo impianto da 65.000 spettatori, anziché 75.000 come era nei piani originari.

Nei giorni scorsi il presidente del club, Amadeo Salvo, e l’architetto Mark Fenwick, dello studio Fenwick Iribarren Architects di Madrid (uno dei più quotati a livello internazionale nella progettazione di impianti sportivi), hanno presentato il progetto rivisto del Nuovo Mestalla.

Fino ad oggi il Valencia ha investito 98 milioni nei lavori di costruzione del nuovo impianto, che però erano stati interrotti a causa delle difficoltà finanziarie del club. Per completare l’opera in base al vecchio progetto sarebbero serviti altri 160 milioni. Una cifra difficilmente finanziabile nel nuovo contesto dell’economia spagnola. Il nuovo progetto, che ha coinvolto anche il consorzio temporaneo di imprese formato da FCC Construccion e Grupo Bertolìn, comporterà dunque un risparmio consistente, visto che per completare l’opera serviranno circa 90 milioni.

Il Valencia ha iniziato a cercare i finanziamenti per riavviare i lavori, che erano stati sospesi nel 2009. Non è dunque ancora certo il momento in cui il cantiere sarà riavviato. Il presidente del Valencia ha tuttavia precisato che, una volta iniziati i lavori, il nuovo impianto, “che sarà uno dei luoghi più importanti del mondo”, sarà pronto nell’arco di 18 mesi.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here